CONDIVIDI
Sebastian Vettel, Ferrari (©Getty Images)

Per provare a fermare l’armata d’Argento in quel dell’Australia la Ferrari sfodererà un motore più potente. Il V6 Turbo 062 Evo che Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen useranno agli Antipodi disporrà infatti di un extra power anche se la sua vita dovrà restare di 7 GP. Per farcela il Reparto Corse, in particolare la sezione PU diretta da Corrado Iotti, si è dovuta mettere testa sotto per trovare la soluzione più adatta per migliorare la risposta a bassi e medi regimi, dove il guadagno è maggiore, e sviluppare a dovere la power unit derivata da quella del 2017.

Nei mesi invernali il propulsore è stato rivisto in diversi punti, ad esempio nel sistema di sovralimentazione che è stato alleggerito e dovrebbe assicurare una maggiore spinta in minor tempo e una più efficiente ricarica di energia elettrica con la MGU-H, o la collocazione di molti accessori per favorire l’aerodinamica. In questo momento dunque a far preoccupare il Cavallino è soltanto un leggero aumento dei consumi legato all’incremento del peso vettura dovuto all’inserimento dell’Halo.

L’aiuto del Supremo

Intanto nei giorni scorsi si è espresso sulla Scuderia di Maranello l’ex boss della F1 Bernie Ecclestone che tramite La Gazzetta dello Sport ha offerto il suo contributo per salvare il posto alla Rossa in barba alle proposte regolamentari di FIA e Liberty Media post 2020. “Il Presidente Sergio Marchionne conosce la mia posizione e sa che qualunque cosa voglia fare io ci sono, ci sarò, e la farò con lui”. E a proposito del bonus di 70 milioni di dollari per il solo fatto di essere la Rossa che i neo proprietari della massima serie vorrebbero togliere alla squadra fondata dal Drake, l’87enne ha detto: “Io non ho mai regalato nulla, quando ho dato dei soldi c’era sempre una ragione. Abbiamo distribuito a tutti dei quattrini, divisi in base ai risultati. Ad alcuni è stato riconosciuto un extra per avere la certezza della presenza fino al 2020. Una garanzia per lo sport, per gli organizzatori e le tv. Con penali importanti nel caso decidessero di ritirarsi in anticipo. Il Circus senza la Ferrari non sarebbe più lo stesso. Io ho creato questo business appoggiando sempre la Ferrari e la Ferrari ha sempre appoggiato me. Darà fastidio a qualcuno, ma la presenza della squadra di Maranello ha calamitato denaro che poi si sono divisi anche gli altri”.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori