CONDIVIDI
Fernando Alonso (Getty Images)

Fernando Alonso non trova più pace, la situazione in McLaren è davvero grottesca. Il matrimonio tra lo storico team inglese e la Honda sembrava dover fare da preludio a qualcosa di grandioso. In fondo il precedente era illustre, negli anni ’80 la McLaren-Honda aveva praticamente vinto tutto, ma così non è stato. Troppo complessa questa Formula 1 per i giapponesi, che si sono ritrovati a consegnare motori che si rompono dopo pochi chilometri.

A farne le spese naturalmente, soprattutto, Fernando Alonso, uno che ha vinto due mondiali e che lì davanti, macchina permettendo, è abituato a starci. In un’intervista al programma “Planet Calleja”, proprio lo spagnolo ha raccontato del suo futuro: “Non so niente, sarebbe una bugia affermare che so cosa farò nel 2018”.

Niente Red Bull nel futuro

Fernando Alonso ha anche partecipato alla 500 miglia di Indianapolis, ma anche in questo caso è stato tradito dal motore Honda. Sempre in merito al suo futuro, lo spagnolo ha parlato della possibilità Mercedes: “Potrei andare in un’altra squadra, non lo so se la Mercedes o un’altra”.

Fernando Alonso però ci tiene a dire che pensa che non tutti i team abbiano un sedile per lui: “Se a giugno o luglio chiama qualcuno potremmo negoziare, forse Red Bull è l’unico team che ha le porte chiuse per me perché ha due piloti molto giovani con lunghi contratti. Se le cose vanno bene in Mercedes e la prossima Formula 1 mi piace potrei andare lì, ma non so”.

Poi però arriva l’ammissione che non ti aspetti e che sconvolge: “Questa Formula 1 non mi piace. Risparmiare benzina, risparmiare gomme, sembra quasi GP2, non mi piace. Ora sono arrivati nuovi proprietari e vedremo cosa hanno intenzione di fare. Si dice che vogliano estendere il mondiale a 25 gare. Quando sono arrivato in Formula 1 erano 16 Gran Premi, ora ne sono 20. Se mi dicono che ne dobbiamo fare 25, io mi ritiro”.

Infine Fernando Alonso ha rassicurato tutti che la sua testa in questo momento è sulla McLaren-Honda e che l’obiettivo è quello di vincere con il team anglo-nipponico. Ha anche sottolineato però che non vuole andare di fretta sulla decisione da prendere e che con calma vuole fare la scelta migliore per il proprio futuro, non ha escluso però di poter continuare anche per il 2018 nello stesso team. L’intervista è stata registrata qualche mese fa, ma i team affrontati sembrano decisamente attuali per un pilota stanco di non essere più protagonista.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori