CONDIVIDI

 

Sebastian Vettel (Getty Images)
Sebastian Vettel (Getty Images)

Quello del suo debutto con la Ferrari è stato un anno pieno di soddisfazioni per Sebastian Vettel, con svariati podi conquistati e 13 vittorie, dopo un’esperienza assai meno proficua con la Red Bull. E ora che il 2015 si avvia a conclusione, il pilota tedesco già pensa a come migliorare le proprie performance nella prossima stagione.

 

Sfida a due

Il sogno del titolo mondiale non si è concretizzato, ma il bilancio di fine anno per Sebastian Vettel è più che positivo. “Possiamo stare tutti contenti – afferma a colloquio con Marca.com – . Ma ovviamente non siamo dove vorremmo. Desideriamo lottare seriamente per il titolo e vincere più corse. C’è da lavorare sodo per raggiungere questo obiettivo, ma abbiamo cominciato a farlo, anche con alcuni cambiamenti all’interno del team…”.

Insomma, col senno di poi la scelta di passare dalla Red Bull alla Ferrari si è rivelata “quella giusta”, anche se “non facile”, e questo lo rende “felice e orgoglioso. A questo punto, “la cosa più importante per noi è migliorare, e l’unico team da battere è la Mercedes”. “Le regole non cambieranno molto per il prossimo anno – spiega – ed è molto probabile che la Mercedes continuerà a essere molto forte, come negli ultimi due. Dobbiamo migliorare molto, stiamo lavorando sodo nell’ombra e questo dovrebbe aiutarci a colmare il divario, ma lo sapremo con certezza solo quando scenderemo in pista”.

Molto dipenderà ovviamente dalla macchina, su cui “non si sa ancora molto”; certo è, riconosce Vettel, che “per quanto riguarda l’aerodinamica sappiamo che non è buona come potrebbe essere”, mentre “l’unità di potenza continuerà ad essere perfezionata”. In altre parole, “si tratta di migliorare tutto ciò che non è ancora in condizioni ideali”.

Il suo auspicio di Natale verte proprio su questo aspetto. “Spero che il prossimo anno sia più eccitante”, conclude il tedesco. Le premesse ci sono tutte.