CONDIVIDI
Sebastian Vettel a Montreal (©Getty Images)

Nel venerdì di Montreal Kimi Raikkonen ritorna subito alla riscossa dopo la beffa di Monaco. Segna il miglior tempo nelle Prove Libere 2, l’unico a scendere sotto il muro dell’1’13”. Il segreto del successo passa per le qualifiche, bisognerà conquistare le prime posizioni per rimediare allo smacco di due settimane fa.

La pole mancava dal 2008, a Montreal si sogna il bis. “Sì, sono soddisfatto, ma questo è solo venerdì, non fa storia. La formazione è andata bene e la vettura si sente molto bene – ha detto Iceman -. Il Canada è un circuito strano. In alcune curve avete bisogno di più carico aerodinamico, sui lunghi rettilinei è necessario un sacco di velocità massima, è necessario trovare un compromesso. Se si vuole essere abbastanza veloce nei rettilinei bisogna perdere un po’ in alcune curve. E’ stata una buona giornata, ma c’è sempre spazio per migliorare”.

Necessita di progredire ancor più Sebastian Vettel, terzo dopo le PL2, dietro a Raikkonen e Hamilton. “Siamo sulla buona strada e dobbiamo essere soddisfatti. E’ stato abbastanza difficile. La pista era abbastanza sporca soprattutto all’inizio. Abbiamo provato un sacco di cose, serve lavorare di più sulla velocità”. Via radio il tedesco si è lamentato che durante le prove Lewis ha rallentato un paio di volte davanti a lui. “Ma sono sicuro che non vi era alcuna intenzione di Lewis”.

Le previsioni parlano di un’altra avvincente sfida tra Ferrari e Mercedes, a decidere le sorti potrebbe essere un errore o la miglior strategia gomme. “In gara saremo a stretto contatto con Mercedes. Normalmente, non è mai facile in Canada per portare le gomme in temperatura. Ma non era la parte difficile oggi – ha concluso Sebastian Vettel -. La pista era molto polverosa, abbiamo faticato per tenere la macchina in pista”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori