CONDIVIDI
Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (Getty Images)

La Mercedes da due anni domina incontrastata nel campionato di Formula1 e Lewis Hamilton ha messo nella propria bacheca altri due titoli mondiali dopo quello conquistato nel 2008 quando correva per la McLaren. Solo sei gran premi non sono stati vinti dalla scuderia di Stoccarda, tre sono andati a Daniel Ricciardo su Red Bull nel 2014 e altri tre a Sebastian Vettel con la Ferrari in questo 2015. Per l’anno prossimo l’auspicio di molti è quello di vedere più competizione in pista, evitando di assistere a gare dall’esito scontato e dallo svolgimento noioso. Fattori che stanno allontanando l’interesse della gente dalla F1.

Molti puntano sulla Ferrari per il 2016, sperando che il team di Maranello possa finalmente tornare a lottare per il titolo. Lewis Hamilton ai microfoni di crash.net ha riconosciuto che la squadra italiana ha fatto grandi progressi: «Da Austin in poi hanno fatto un ulteriore passo in avanti e ora sono molto, molto vicini. Penso che la Mercedes abbia ancora il miglior motore, quindi in certe aree siamo più forti, ma hanno fatto davvero tanta strada rispetto allo scorso anno».

Il pilota britannico è consapevole della forza della Mercedes, ma sa anche che la Ferrari ha il potenziale per tonare a competere per le primissime posizioni con lui e Nico Rosberg: «Nel 2016 andrà ancora meglio e dovremo lavorare per rimanere in testa perché è più difficile mantenere il vantaggio che inseguire. Non ho dubbi sul fatto che la Ferrari tornerà a essere l’avversario principale, ma ho completa fiducia nelle decisioni del team e dei progressi che stanno studiando».

Tanti auspicano di vedere un duello stellare tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. Sarebbe bello vedere due grandi piloti così battagliare ogni domenica per la vittoria. E chissà se Fernando Alonso, con una McLaren in ripresa, potrà affacciarsi in zona podio nella prossima stagione e magari rendersi protagonista di un’annata simile a quella attuale del tedesco della Ferrari. Ma a Woking devono fare tantissimi passi avanti affinché questo scenario si realizzi, al momento sono ancora distantissimi.