CONDIVIDI
Fernando Alonso
Fernando Alonso (© Getty Images)

Fernando Alonso ha chiuso forse la sua peggior stagione in carriera, con un 19° piazzamento finale e racimolando appena 11 punti. Ma con il Mondiale 2016 di Formula 1 quasi alle porte non resta che archiviare il suo primo anno in McLaren e sperare di poter fare meglio, grazie al lavoro dei tecnici ai box che dovrebbero trarre insegnamenti dagli errori e dai ritardi del 2015.

Il punto debole del tram britannico si è rivelato essere il motore Honda e d’altronde era attendibile dopo il ritorno del colosso nipponico nel Circus. Il primo grande deficit riguarda la potenza del propulsore V6 soprattutto sui rettilinei, un problema che se risolto potrebbe far guadagnare oltre un secondo a giro secondo le stime del pilota spagnolo.

“Abbiamo più chiari i nostri punti di forza e dobbiamo sfruttarli un po’ di più – ha detto Fernando Alonso ad Autosport -. Sappiamo che il propulsore è stato il nostro limite principale, quindi non ci sono cambiamenti radicali per il 2016 in termini di design e filosofia. Sappiamo il deficit che abbiamo in rettilineo rispetto alle altre monoposto. Quindi se applichiamo alcune delle soluzioni e tutto funziona come ci aspettiamo, il beneficio temporale sul giro sarà molto grande”.

In attesa dei primi test prestagionali in programma dal 22 febbraio a Barcellona non resta che guardare con ottimismo al lavoro dei tecnici McLaren-Honda: “Ci sono soluzioni in atto che sono razionali ed è bene mantenere la motivazione molto alta perché penso che nel 2016 avremo un quadro completamente diverso. Abbiamo attraversato alcuni momenti difficili, ma penso che abbiamo imparato da essi. Siamo rimasti uniti e abbiamo lavorato in armonia ed è una cosa positiva. La cosa negativa è stato il risultato”.

Ma nel 2016 sarà difficile fare peggio, quindi l’ottimismo è d’obbligo: “Miglioreremo tra mezzo secondo e un secondo”, pur consapevole che sarà difficilissimo ambire al podio. “Il propulsore – ha concluso Fernando Alonso – sarà l’elemento principale per sbloccare questo potenziale”.

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori