CONDIVIDI
Luca Ghiotto, Williams (©Getty Images)

L’Italia dei motori non è soltanto Antonio Giovinazzi. Per tre volte sul podio della Formula 2 quest’anno, l’altra speranza dell’automobilismo Tricolore porta il nome di  Luca Ghiotto.

Il 22enne si è giocato la carta della vita durante i test stagionali della F1 a Budapest quando ha avuto la chance di salire sulla Williams FW40 lasciata libera il mercoledì dal pilota ufficiale Lance Stroll.

Affermatosi come il più stacanovista della giornata conclusiva, il veneto ha firmato l’11° crono assoluto, con un 1’20″414. “Innanzitutto devo ringraziare il team e tutti quelli che hanno reso possibile ciò per cui ho lavorato sin dall’inizio della carriera nelle corse”. Ha dichiarato al termine. “E’ stato qualcosa di incredibile. Ancora meglio di quanto pensassi. Sono davvero felice perché la squadra è parsa contenta del mio operato, inoltre tutte le componenti provate hanno funzionato bene. L’auto è fantastica e certo, ci ho impiegato un po’ per prendere la mano. Sono comunque riuscito a completare ben 161 tornate, quindi al di là delle mie aspettative se consideriamo che si tratta di un circuito tortuoso reso ancora più insidioso dalle alte temperature. Peccato solo non aver potuto fare il tempo con le supersoft per via della bandiera rossa nei minuti finali. Ad ogni modo considerate le gomme usate e le condizioni non posso che dirmi soddisfatto”.

“Avevamo pianificato un programma abbastanza ottimistico ma ciò nonostante  siamo stati in grado di portarlo a compimento, il che ci ha particolarmente soddisfatto”. Ha spiegato il responsabile dei test e ingegnere di supporto Rod Nelson. “Al mattino abbiamo cominciato con degli short run concentrandoci sul telaio, per poi passare alle verifiche sulla distanza nel pomeriggio. Ghiotto si è dimostrato subito veloce e costante, rispondendo in toto alle nostre esigenze. Ci ha fornito altresì dei buoni feedback, di conseguenza siamo lieti del risultato ottenuto”.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori