CONDIVIDI
Bernie Ecclestone (Getty Images)

In Formula 1 da un anno a questa parte la situazione è davvero particolare. Dopo l’addio di Bernie Ecclestone, infatti, sono arrivati gli uomini di Liberty Media alle spalle del campionato a ruote scoperte più famoso del mondo. Gli americani hanno portato subito il loro modo di lavorare all’interno del paddock.

La direzione tracciata da Liberty Media però non sembra interessare a Ferrari e al suo presidente Sergio Marchionne, che sarebbe pronto a portare via il Cavallino Rampante dalla Formula 1. I problemi maggiori sono legati principalmente alla motorizzazione che ci dovrebbe essere dal 2021.

Ecclestone si scusa con gli organizzatori

I piccoli team spingono per un ritorno ai vecchi motori, mentre i big vorrebbero continuare a lavorare sull’ibrido. Come riportato da “Auto Motor und Sport”, Bernie Ecclestone ha così commentato la situazione: “Se lo avesse detto Montezemolo non lo avrei preso sul serio, il motorsport era la vita di Luca. Sergio, invece, può vivere senza la Formula 1, lui è solo interessato al business”.

Il manager inglese ha poi proseguito: “Per Sergio la cosa importante è dare risultati agli azionisti, se la F1 non gli darà quello che vuole se ne andrà. Purtroppo temo che la Ferrari possa vivere senza Formula 1, ma il contrario, quello no. Sono 5 anni che aspettavo che la Ferrari si svegliasse e finalmente è successo. Il duello con Mercedes ha riacceso l’interesse dei fans. Mi sono scusato con gli organizzatori per aver venduto una Formula 1 con un monologo Mercedes, ma ora possiamo tornare ad avere un prodotto valido che ripaghi l’investimento fatto”.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori