CONDIVIDI
Matthias Walkner, Dakar 2018 (©Getty Images)

Dopo aver annullato la tappa 12 per l’eccessiva pericolosità della speciale, gli organizzatori della Dakar hanno deciso di intervenire anche nella 13 per quanto concerne le moto e i quad accorciando di 55 km il percorso a causa del fango e dell’acqua che si sono accumulati nella zona di La Rioja e nella Pampa de las Salinas. I concorrenti delle due categorie proseguiranno dunque verso Cordoba perdendo parte dei chilometri cronometrati a fronte dei 424 km totali previsti in origine. Così facendo, molto difficilmente vedremo dei colpi di scena dato che siamo alla penultima giornata e Matthias Walkner su KTM viaggia in testa alla classifica con un vantaggio di 32′ sull’hondista Kevin Benavides e 39’17 sul collega di marca Toby Price.

In cosa consterà la sfida odierna

Facendo un discorso globale nella tappa che porterà la carovana da San Juan a Cordoba i piloti dovranno affrontare ben 929 chilometri tra gara vera e propria e trasferimenti, il primo dei quali di 79 chilometri che condurrà alla prova d’apertura di 124 km.

Successivamente ci sarà una neutralizzazione di 382 km per poi riprendere con una ps da 244 km e infine ulteriori 98 km di liaison fino alla città d’arrivo. Insomma, come facilmente intuibile i coraggiosi partecipanti al raid avranno parecchie ore da trascorrere alla guida attraverso strade dal carattere molto vario e selettivo che in parte ricalcheranno quelle predilette dal WRC, per cui nella parte iniziale avremo un mix di pista e vegetazione, e fuoripista e dune, mentre la seconda sarà più rallistica.

La prima moto lascerà il bivacco di San Juan alle 5,15 orario locale  per entrare in speciale alle 6,45 mentre le auto seguiranno alle 7,26 da San Juan e poi alle 8,56 nella prima prova speciale.

Ricordiamo che tra le auto al comando della generale c’è Carlos Sainz su Peugeot con 44’41 di margine sul compagno di squadra Stephen Peterhansel. Nei camion è passato in testa il trio Kamaz Nikolaev-Yakolaev-Rybakov con appena 1″ di vantaggio sull’Iveco di Villagra-Torlaschi-Yacopini. Infine tra i quad Ignacio Casale su Yamaha resta al top con 1h34’13 su Nicolas Cavigliasso.

Chiara Rainis