CONDIVIDI

Si è conclusa sabato a Buenos Aires (Argentina) l’edizione 2017 della Dakar partita lo scorso 3 gennaio da Asuncion (Paraguay).

A trionfare per la tredicesima volta tre le auto dopo circa 9000 km di corsa in mezzo a dune, sabbia, guadi e fiumi in secca, l’esperto Stephane Peterhansel. Il francese, autore di 10 tappe (2 sono state cancellate per maltempo) tattiche, ha preceduto altri due piloti Peugeot: Sebastien Loeb, primo in quattro speciali, staccato di 5’13 e Cyril Despres, per anni attivo e vincente con le moto, a 33’28. Giù dal podio e molto distanti le Toyota Hilux dello spagnolo Nani Roma a 1h16’43 e del sudafricano Giniel de Villers a 1h49’48.

Sunderland si impone tra le moto

Alla sua quarta partecipazione Sam Sunderland grazie a cinque centri di tappa si è aggiudicato la vittoria finale tra le moto. Il rider KTM si è messo alle spalle i colleghi di marca: l’austriaco Matthias Walkner a 32′ e lo spagnolo Gerard Farres a 35’40. Quarto l’olandese Adrian Van Beveren su Yamaha a 36’28, mentre solo quinto a 43’08 l’hondista Joan Barreda, penalizzato dalla giuria come il resto della squadra per un rifornimento in area non consentita nel corso della prova con arrivo a Tupiza (Bolivia). Fuori dai giochi invece uno dei favoriti, Toby Price, caduto durante la quarta ps con conseguente rottura del femore.

Nikolaev  conquista la coppa tra i camion

Già al successo nel 2013 Eduard Nikolaev ha realizzato il bis a bordo del suo Kamaz. Dietro al russo a 18’58 il connazionale Dmitry Sotkinov e a 41’19 l’Iveco di Gerard de Rooy, a lungo al vertice e poi scivolato indietro causa forature ed errori di navigazione. Quarto a 1h00’04 Federico Villagra su Iveco e a 2h26’50 Ayrat Mardeev su Kamaz, stranamente in difficoltà lui che dal 2013 è sempre stato un assoluto protagonista delle prime due posizioni.

Karyakin primo tra i quad

Come al solito dominio Yamaha tra i quad. Sergey Karyakin, si è mangiato la concorrenza e forte di tre successi di speciale ha staccato di ben 1h14’50 il blasonato Ignacio Casale, opaco nelle fasi iniziali della corsa e dunque seppur in crescita sul finale incapace di infastidire il rivale. Terzo a 4h20’19 l’argentino Pablo Copetti. Quarto il buon Rafal Sonik a 5h33’29 e quinto a 5h45’25 il francese Axel Dutrie.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori