CONDIVIDI
Chase Carey
Chase Carey (©Getty Images)

F1 | Carey snobba Ferrari e l’Italia: la rottura è possibile

Non sono i cronometri a fermare le lancette o display di mezzo mondo. Liberty Media lascia trapelare con decisione che dall’agenda personale di Chase Carey alla voce “grid girl” si è aggiunta la voce “F1 Tv Pro“. Non è un mistero che per rientrare dagli investimenti da capogiro i vertici e nuovi proprietari dei marchi F1 (cambiati in peggio anche quelli) hanno gettato le basi e studiato a fondo per portare in streaming pay il loro nuovo gioiello offrendo sul piatto migliore, tra le varie portate del menù, la stessa Formula 1 e la testa della Ferrari di conseguenza.

Non sarà disponibile in prime battute la lingua italiana e non ci saranno cronisti italiani. Sky detiene i diritti che nel 2021 scadranno a favore di un semplice: “Grazie facciamo noi” . Firmato Chase Carey. Belgio, Francia, Inghilterra, Spagna e pochi fortunati saranno i primi a ricevere questo lancio su piattaforma sviluppata in pochi mesi dall’acquisto firmato Bernie Ecclestone. L’italia non rientra nei parametri necessari tali da accelerare uno sviluppo in questo senso. Di conseguenza Marchionne avrebbe ancor più motivi di lasciare quanti non ne avrebbe semplicemente per restare.

Effettivamente sembra che Carey detti realmente la sua linea guida senza indugi. Era su agenda rimuovere le grid girl ed è stato fatto, parla di motori sempre più complicati ed hybrid, ha deciso già di vendere la piattaforma per lo streaming pay. Non accetta offerte, non vuole compromessi. Ha comprato per dire: adesso il Circus lo comando io. Carey farà a modo suo, no grid girl, no pay tv, no italiano, no elettric, no Ferrari. Faccio tutto io, firmato Baffo.

Non sono i cronometri a fermare le lancette o display di mezzo mondo, in questo momento ci pensa lui. Raikkonen a proposito dei giorni di allenamento in pista con ottimi tempi ha dichiarato : “Aspettiamo il sole, potrebbe sciogliersi come neve” Il senso era quello.

Giuseppe Romano