CONDIVIDI
Ferrari (Getty Images)

La Ferrari partecipa alla Formula 1 dal 1950, anno del primo mondiale. Il campionato costruttori però è stato assegnato solo dal 1958 in poi. In questi ultimi 59 anni la Rossa ha portato a casa ben 16 titoli costruttore, un numero davvero ragguardevole se rapportato ai successi degli altri team.

Ad oggi però la Ferrari non riesce più a salire sul tetto del mondo dal lontano 2008, anno in cui la coppia RaikkonenMassa con 172 punti ebbe la meglio della coppia HamiltonKovalainen della McLaren-Mercedes capaci di portare a casa solo 151 punti.

Non va meglio con il titolo piloti

Quell’anno Massa, invece, perse il titolo piloti in favore di Hamilton per appena 1 punto a causa di un sorpasso del britannico ai danni di Glock all’ultima curva del Gran Premio del Brasile.

Da quel momento in poi la Ferrari non ha più saputo vincere aprendo uno dei filotti negativi più lunghi della sua storia. Attualmente questa è la 3a striscia negativa più lunga della storia della Rossa. Al primo posto resta saldamente quella aperta nel 1983 e chiusa nel 1999.

In quell’occasione furono ben 15 campionati consecutivi senza la Ferrari campione del mondo. Nel 1983 la coppia TambayArnoux portò il mondiale a Maranello, nel 1999, invece, il terzetto formato da Schumacher, Salo e Irvine riconquistarono la corona iridata dopo il digiuno.

Al 2° posto tra i record negativi Ferrari c’è da registrare quello che va dal 1964 al 1975, in quel periodo il titolo di campione del mondo costruttori di Formula 1 restò orfano della Ferrari per 10 stagioni consecutive. Attualmente, invece, la Rossa non sale sul tetto del mondo da ben 9 annate.

Se allarghiamo il discorso, invece, al titolo piloti, manca alla Ferrari dal 2007, anno in cui Kimi Raikkonen diventò campione del mondo ai danni di Lewis Hamilton. Sono ben 10 anni senza alcuna corona iridata, proprio come avvenne dal 1964 al 1975.

Nel ’64 fu John Surtees a portare a casa il titolo per Maranello, poi nel ’75 fu la volta di Niki Lauda. Certo nulla a che vedere con il periodo più buio in assoluto della storia della Ferrari, quello che va dal 1979 al 2000, da Jody Scheckter a Michael Schumacher, 20 anni in cui la Rossa non riuscì mai a portare un proprio pilota a vincere il mondiale.

Storie passate che si intrecciano a quelle del presente. Per la Ferrari 10 anni senza vincere sono un’enormità. Lo sa bene Marchionne, che non può più permettersi di vedere una Rossa sconfitta a fine anno. Il 2018 quindi deve essere per forza di cose l’anno del mondiale.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori