CONDIVIDI
Lewis Hamilton e Michael Schumacher (©Getty Images)

Lewis Hamilton ha disputato una stagione magnifica e ha disintegrato gara dopo gara molti record storici della Formula 1. Il pilota britannico ha prima superato il numero di pole di Ayrton Senna e poi quello di Michael Schumacher. Nel Gran Premio del Messico il driver della Mercedes ha conquistato il suo 4° titolo elevandosi alla pari di Sebastian Vettel e Alain Prost, alle spalle per numero di mondiali solo a Fangio e Schumacher.

Lewis Hamilton ha 32 anni, quindi ha davanti a sé ancora qualche stagione. Il suo score per ora parla di: 62 successi, 116 podi e 72 pole. Numeri impressionanti, che sono destinati per forza di cose a migliorare.

Hamilton mette nel mirino i record di Schumi

Proprio per questo, come riportato da “Sky Sport”, Ross Brawn parlando dei record di Schumacher in relazione a Lewis Hamilton ha così affermato: “Non immaginavo che Lewis potesse arrivare a questi livelli, ma vedendo il modo in cui sta guidando credo che bisogna dire che è da mettere alla pari dei grandi della Formula 1. Ha fatto una stagione eccezionale e potrà raggiungere ancora altri record”.

Come riportato da “AS”, invece, non è dello stesso avviso Alain Prost, che afferma: “Ne ha vinti solo 4, parlare già di 7 e del record di Schumacher e quindi paragonarlo a lui sarebbe ridicolo. I record sono fatti per essere battuti e Lewis ha già battuto record che pensavamo impossibili da battere. Certe cose però bisogna anche relativizzarle. Ci sono più gare rispetto a prima e le auto sono più affidabili quindi è più semplice stabilire certi primati”.

Insomma la discussione è aperta tra chi crede che Lewis Hamilton sia paragonabile ai più grandi di tutti i tempi e chi, invece, ritiene semplicemente che sia un grande pilota, ma non certo una leggenda di questo sport.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori