CONDIVIDI
Gomme Pirelli F1 (©Getty Images)

F1| Pirelli minaccia di lasciare il Circus

La notizia è di quelle grosse pur non lasciando più di tanto stupiti visto che la nuova massima serie targata Liberty Media, salvo le iniziali euforie, sembra non aver finora raccolto grande consenso nel paddock e fuori.

Cosa è successo

Marco Tronchetti Provera, Presidente di Pirelli, in un incontro con l’azionariato della Casa milanese ha lanciato un aut aut. Qualora il nuovo ente proprietario del Grande Circo su quattro ruote, dovesse, alla scadenza dell’accordo fissata per il 2020, organizzare un’asta per il rinnovo della fornitura delle gomme, lei, in quanto attuale produttore esclusivo, abbandonerà all’istante la categoria.

A scatenare l’ira dell’imprenditore ex boss Telecom sarebbero state le voci delle maggiori richieste economiche giunte dagli americani, ma soprattutto l’ipotesi di un’ammucchiata per aggiudicarsi il servizio nella prestigiosa categoria motoristica, da sempre vetrina ambita dai marchi di tutto il globo. In pratica, Pirelli sarebbe disposta a proseguire l’investimento in essere, ma non a concedere un centesimo di più per la paura di venir scalzata da un competitor interessato a buttarsi nell’avventura F1 con molte risorse al seguito.

Per rendere ancora più reale la minaccia il manager ha sottolineato che l’azienda essendo coinvolta nel mondo delle corse in 400 campionati diversi fra quattro e due ruote non avrebbe problemi a trovare una serie dove portare il suo prodotto.

Sulla scia di Marchionne

Non è la prima volta negli ultimi mesi che in Circus viene messo sotto pressione da parte di uno dei suoi protagonisti. Nelle fasi finali del campionato 2017 anche la Ferrari aveva ipotizzato una sua uscita di scena in caso fossero state approvate le regole 2021 proposte dalla FIA che riguardavano l’introduzione del budget cap e della standardizzazione di alcune componenti del motore.

Come il grande capo del Cavallino Sergio Marchionne, anche Tronchetti Provera ha quindi fatto sapere di non voler partecipare ad uno sport interessato solamente al marketing e non più alla sfida tecnica.

Chiara Rainis