CONDIVIDI
Fernando Alonso (©Getty Images)

Galvanizzato da tutte le esperienze extra F1 accumulate negli ultimi mesi Fernando Alonso si è trasformato in un vero fiume in piena. Impegnato nella 500 Miglia di Indianpolis, nei test del WEC e nello scorso weekend nella 24 Ore di Daytona, lo scatenato iberico si è detto ancora convinto di poter puntare in alto nel Circus e di poter tranquillamente correre alla 24 Ore di Le Mans, avendo ormai in mano il mestiere delle corse di durata.

“In McLaren siamo molto fiduciosi per quanto concerne la stagione a venire”, ha confidato a margine della mitica gara americana a proposito del suo impegno principale nella massima categoria a ruote scoperte. “Ci sono stati diversi cambiamenti interni al team e soprattutto potremo godere di un nuovo propulsore targato Renault, una novità che ha senz’altro portato morale nel gruppo. L’atmosfera che si respira in fabbrica è totalmente differente a quella degli anni scorsi. E’ vero che nei precedenti tre campionati ci siamo presentati con la speranza di fare meglio, ma questa volta non solo ce lo auguriamo, ne siamo sicuri in quanto abbiamo delle cifre in mano che ci danno conferma delle aspettative”.

Il target è tornare sul podio e magari anche batterci per la vittoria non appena si presenterà l’occasione“, ha proseguito l’asturiano con il classico ottimismo dei Samurai. “Credo che la scuderia sia pronta per simili risultati. Dopo le enormi difficoltà incontrate con la power unit Honda, siamo più preparati che mai”.

La Sarthe

Come detto Alo non ha nascosto il desiderio di essere al via della classicissima francese in programma il 16 e 17 giugno. “Ho almeno il 40 o 60% di possibilità di esserci. Di certo non salterò alcun round della F1 perché nel 2018 sarà la mia priorità. Comunque dovessi decidere di farla, la affronterò molto seriamente. La mia eventuale partecipazione però non dipenderà solo da me quindi vedremo come riusciremo ad organizzarci”.

“Circa la gara in sé, non mi preoccupa. Ormai so come muovermi nel traffico, con le Safety Car in mezzo, piuttosto che come guidare di notte. A Daytona ho appreso cose che prima non sapevo ed essermi dimostrato tra i più veloci nelle fasi iniziali mi ha dato un grosso stimolo”, ha concluso Nando.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori