CONDIVIDI
Adrian Newey
Adrian Newey (©Getty Images)

Il guru della Red Bull, Adrian Newey, autore principale di quattro titoli iridati ad opera di Sebastian Vettel, ha criticato l’attuale superiorità costruttori di Mercedes e Ferrari. L’ingegnere inglese prevede tempi difficili per McLaren, Williams e la sua scuderia ‘alata’, perchè con questo regolamento la Rossa e le Frecce d’Argento avranno vita facile sugli avversari e potrebbero monopolizzare il Mondiale di Formula 1.

Adrian Newey è noto come il miglior designer di auto da corsa del nostro tempo e mago dell’aerodinamica. Attualmente è un semplice consulente del team angloaustriaco, avendo concentrato l’attenzione sul team di Ben Ainslie impegnato in Coppa America dopo le restrizioni del Circus che hanno impedito di avere libertà di movimento in termini aerodinamici e quindi di velocità.

L’ingegnere di Formula 1 ha parlato con i colleghi del giornale “The Asian Age” circa i prossimi cambiamenti. “Ho sempre accolto le modifiche alle regole in quanto offre l’opportunità di sperimentare. Il malsano sulla Formula 1 è attualmente il predominio degli elementi di trasmissione. Le disposizioni circa la costruzione del telaio sono ferree, mentre si può sperimentare con i motori. In questa situazione solo Mercedes e Ferrari sono in grado di competere per il titolo. Controllano lo sport. Mi auguro che la FIA abbia la situazione sotto controllo”.

Adrian Newey offre a grandi linee la sua ricetta per salvare il Circus in vista del 2017, quando un nuovo cambio regolamentare potrebbe rimescolare le carte e quindi gli equilibri in pista: “I motori devono essere uguali e anche il carburante e il software. Ciò può probabilmente attirare ancora più costruttori in F1. D’altra parte – ha concluso il 56enne ingegnere inglese – la FIA potrebbe anche portare un motore standard nel gioco, con tutte le squadre che avrebbero l’opportunità di essere competitive”. Un livellamento di poteri e potenza che probabilmente potrebbe rivoluzionare la storia dei motori, ma che difficilmente sarà accolta.