CONDIVIDI
Le winglets Yamaha nei test di Valencia (©Getty Images)

Nella marea di piccole novità intraviste (o nascoste) durante i due giorni di test MotoGP a Valencia, poca attenzione mediatica è stata riservata al telaio aerodinamico montato sulle Yamaha YZR-M1 di Maverick Vinales e Valentino Rossi. Non sembrano apportare significative modifiche alle prestazioni, ma di certo sono finite nell’occhio del ciclone.

Il pannello alato della casa di Iwata non risolve certo il problema dell’usura al posteriore, problema che urge nel box Movistar Yamaha. Ma sia Valentino che Maverick sembrano aver riscontrato lievi buone sensazioni. “Aprilia corre con una moto simile e anche la Ducati, tutte le moto sembrano simili, è molto buona. Infatti uno dei motivi per cui sono migliorato è grazie a questa, non penso che sia illegale – ha detto lo spagnolo -. Accetteremo quello che dice la Dorna”.

Il direttore tecnico della MotoGP Danny Aldridge però si è già espresso in maniera negativa: “Ho parlato con Yamaha e abbiamo discusso cosa deve cambiare – ha ammesso a Crash.net -. Quindi questa non sarà la loro versione definitiva”. A puntare il dito contro le winglets Yamaha anche il vicecampione iridato Andrea Dovizioso: “Senza fare polemica, avevano detto che erano pericolose e le hanno abolite, ma quelle che mettono adesso sono molto peggio – riporta ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Hanno raccontato una balla, volevano limitare la nostra evoluzione”.

Un chiaro monito al cambio di regolamento deciso alla fine dello scorso anno per penalizzare lo sviluppo aerodinamico della Ducati, su cui la Casa di Borgo Panigale aveva investito tempo e denaro. A parte che i vertici della classe regina hanno già ammonito il pannello Yamaha, bisogna anche ammettere che dopo le tante polemiche sulle alette Dovizioso era ad un passo dal Mondiale senza dover ricorrere alla carena aerodinamica (impiegata ampiamente da Jorge Lorenzo). Stesso discorso vale per il campione del mondo Marc Marquez. A quanto pare non sono le winglets a fare la differenza…

Luigi Ciamburro

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori