CONDIVIDI
Vito Ippolito presidente FIM
Vito Ippolito (©Getty Images)

MotoGP | Vito Ippolito risponde a Dani Pedrosa: “Mike Webb non era tenuto a riceverlo”.

Le dure parole di Dani Pedrosa dopo la gara di Jerez, in cui ha attaccato la direzione gara e Mike Webb, non sono piaciute alla Federazione Motociclistica Internazionale (FIM). Il veterano della Repsol Honda, amareggiato per il trattamento subito a Rio Hondo e per la mancata penalizzazione di Zarco, si sente sottovalutato dalla Direzione Gara dopo il secondo incidente avvenuto nell’ultimo Gran Premio in Spagna.

Dopo la sfortunata gara andalusa non ha reclamato punizioni per Jorge Lorenzo, ma ha cercato di spiegare il suo punto di vista sull’incidente. “Volevo capire la Race Direction, quello che mi è successo in Argentina è stato, per loro, un incidente di gara, non è stato così per Marc e Vale, ho subito un highside perché ho sollevato la moto con l’errore di Zarco, ho dovuto dargli spazio e sono finito in ospedale – ha dichiarato Dani Pedrosa -. Questa volta forse Lorenzo non mi ha visto, va bene, o non me lo aspettavo, ma ho avuto un altro highside. Volevo capire quale fosse il loro giudizio. La cosa evidente è che a volte non affrontano le cose. Potevo a malapena camminare e sono andato da loro”. Mike Webb, membro della Direzione gara e del Gruppo dei commissari, non ha voluto ascoltare le ragioni di Pedrosa pur trovandosi nella stanza accanto: “Merito più rispetto. Non sono arrabbiato, sono deluso”.

La risposta del presidente FIM a Pedrosa

Vito Ippolito, presidente della FMI, ha voluto dare una spiegazione al comportamento della Direzione di Gara al giornale spagnolo ‘Marca’. “Considero Dani Pedrosa uno dei piloti più corretti ed equilibrati, infatti a volte ci vediamo in Svizzera e parliamo di problemi come il comportamento dei piloti o gli incidenti di gara”. Ma si schiera apertamente con il collega Dorna: “Mike Webb ha fatto la cosa giusta non parlando con lui, le sanzioni sono imposte dal gruppo di commissari e non dalla direzione della corsa”. Webb è anche uno dei tre membri del gruppo dei commissari, “ma gli altri due Bill Cumbow, membro permanente, e Patrick Coutant, in rotazione, lo hanno assistito”.

Il leader venezuelano rivela che esiste una direttiva più alta per proteggere l’ingegnere inglese. “Dal 2016 è stato creato l’ ufficio permanente composto dal CEO di Dorna, Carmelo Ezpeleta, e dal presidente della FIM, Vito Ippolito, che è al di sopra del gruppo di Commissari e della Direzione Gara e, da questo ufficio di presidenza, ci prendiamo la responsabilità del direttore di gara, che ha già un sacco di lavoro. Webb non è intervenuto perchè c’erano gli altri due commissari”.