CONDIVIDI
Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Valentino Rossi parla della questione Yamaha-Zarco

Valentino Rossi ha chiuso la prima gara stagionale subito a podio, ma il suo obiettivo resta quel 10° titolo mondiale. Il Dottore a quasi 40 anni riesce ancora a mettere tutti o quasi in fila, tanto che Yamaha ha deciso di “mollare” il giovane Zarco per tenere il Dottore ancora per altre due stagioni.

Come riportato da “La Gazzetta dello Sport”, Valentino Rossi ha parlato dell’Academy: “Sta andando tutto molto bene. Siamo fieri di aver creato qualcosa del genere per i ragazzi. Si sentono molto coinvolti nel progetto e il fatto che mi vedono a 40 anni ancora qui ad impegnarmi gli fa dare ancora qualcosa in più. Stiamo raccogliendo di più di quanto ci aspettassimo”.

Morbidelli in Yamaha, si può fare

Naturalmente il Dottore ha parlato anche di Morbidelli: “Ha fatto un grande debutto, quest’anno sarà difficile avendo una moto ostica, ma dimostrerà che è un pilota vero e che si merita un posto in un team ufficiale o comunque una moto per poter vincere. Potrebbe avere una Yamaha con i colori Marc VDS. A me piacerebbe Franco con una Yamaha. E ancora di più piacerebbe a lui”.

Valentino Rossi ha poi continuato: “Una volta facendo una battuta dissi che avrei smesso dopo aver corso con mio fratello. Sembrava assurda, ora va a capire. Però Luca ha tanto lavoro da fare. Per me i piloti da battere sono Dovizioso e Marquez, quasi più Dovizioso, ma li metto sullo stesso piano. Io onestamente sono un pochino preoccupato, non siamo ancora a loro livello”.

Il rider di Tavullia ha poi parlato anche dei problemi avuti con la moto: “L’anno scorso abbiamo perso tanto tempo perché la moto era sbagliata. Secondo me Ducati e Honda hanno lavorato meglio con più soldi e più gente. Non ho mai avuto problemi con Dovizioso che è sempre stato molto corretto. Secondo me siamo anche molto simili. Quello che mi è piaciuto di lui nel 2017 è la sua grinta e la voglia di non mollare mai. Prima del Mugello aveva fatto tanti anni di MotoGP senza vincere e questo psicologicamente ti schianta, ora invece è un super-vincente”.

Sempre parlando del Dovi ha poi proseguito: “Il paragone con Andrea per Lorenzo è complicato. Dovi sa guidare bene questa moto e a Jorge ancora non viene. Io vedo più in difficoltà Lorenzo che Vinales, quest’anno sarà dura con Maverick. Solo che ho così tanta esperienza che posso aiutare di più Yamaha. Su Zarco non posso essere obiettivo perché voleva la mia moto, sono contento che la Yamaha abbia scelto di tenere me. Quest’anno possiamo giocarcela per il titolo, siamo più forti”.

Antonio Russo

 

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori