CONDIVIDI
Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi ha risposto a dodici domande insolite per i tifosi Yamaha. Sono le prime dichiarazioni del pesarese dopo all’indomani del Gran Premio di Valencia e dell’accusa di “biscottone” spagnolo lanciata al termine della gara che ha assegnato il titolo iridato della MotoGP al suo compagno di squadra e rivale Jorge Loreno.

In occasione di un evento Yamaha alcuni appassionati hanno avuto l’opportunità di porre domande al pluricampione di Tavullia e, dopo una selezione preliminare, l’amico Alessio ‘Uccio’ Salucci ha messo le domande in un casco e ne ha estratte alcune cui Rossi ha risposto con la sua solita arguzia.

Il sorpasso che ricorda con più entusiasmo in tutta la sua carriera è quello ai danni di Casey Stoner al Cavatappi e quando gli viene chiesto in quale epoca avrebbe voluto vivere il Dottore risponde: “Vorrei spedirmi alla fine del 1960, quando il mondo era molto più divertente”.

Valentino Rossi, come riportato da Speedweek, confessa che il suo film preferito è “The Blues Brothers”, mentre tra i suoi show televisivi prediletti annovera “Masterchef”. Qual è la cosa più interessante che conserva nel portafoglio? “Nel mio portafoglio ho due foto dei miei due Bulldog, si chiamano Cesare e Cecilia”, mentre il suo sogno impossibile è poter andare un giorno sulla luna.

Poi arriva la classica domanda sulle donne bionde o brune… “Quando ero più giovane preferivo le bionde. Ma ora preferisco le brune”. E se non fosse diventato un pilota che professione avrebbe voluto svolgere? “Domanda difficile. Non lo saprò mai. Perché volevo essere fin dall’inizio un pilota – ha confessato Valentino Rossi -. Tuttavia avrei voluto diventare un atleta, non so se un calciatore o un pilota di motocross o Formula 1″.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori