Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Valentino Rossi: “Sarà difficile battere il dream team della Honda”

Valentino Rossi prepara l’assalto al 10° titolo mondiale anche se sa che sarà complicato. Il Dottore però si fa forte di una Yamaha che finalmente sembra essere ritornata al livello delle migliori moto del lotto anche se manca ancora un pelino per agguantare Honda e Ducati.

Valentino Rossi, all’alba della sua 24a stagione nel Motomondiale in conferenza ha così dichiarato: “40 anni sono un momento importante nella vita. Mi sento bene, è un po’ come il primo giorno di scuola: incontri i ragazzi del paddock, il look delle nuove moto e un po’ di tutto. Sembra proprio che la griglia di quest’anno sia fortissima e le moto ufficiali sembrano andare tutte forti. Durante i test sono andati tutti veloci, di solito il weekend di gara è diverso, ma mi aspetto di vedere tutti i rider ufficiali al vertice. Io spero di essere lì. La Yamaha ha lavorato molto durante l’inverno e speriamo di essere lì”.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Valentino Rossi CLICCA QUI

Il 46 vorrebbe anticipare la partenza della gara

Il Dottore ha poi proseguito: “Negli ultimi anni in Yamaha ho sempre ottenuto dei buoni risultati qui, oltre ad una vittoria sono anche finito spesso sul podio quindi dobbiamo provarci. Attualmente ci sono 7-8 piloti che possono fare il podio. Non so se saremo più forti dell’anno scorso qui in Qatar, ma bisogna capire anche le varie condizioni della pista”.

Valentino Rossi ha anche parlato di Quartararo: “Gli ho detto che potrebbe essere mio figlio, è molto giovane, è del 1999, quindi ha anche 2 anni in meno di mio fratello ed è già in MotoGP. Ha avuto una carriera strana perché è arrivato come se fosse un genio della moto e per qualche motivo ha perso la strada. Però credo che quest’anno con questo team possa avere un’opportunità importante. Mi dispiace che possa essere mio figlio, è arrivato in MotoGP anche prima di me perché io avevo già compiuto 21 anni”.

Il 46 ha poi parlato dell’attuale situazione della Yamaha: “Per noi è difficile capire dove siamo perché ogni pilota lavora in maniera diversa. In questo weekend riusciremo già a farci un’idea migliore, ma si capirà qualcosa fra 5-6 gare. Ad esempio l’anno scorso eravamo forti su alcuni tracciati e soffrivamo in altri. La moto sotto alcuni punti di vista è migliorata, però dobbiamo ancora lavorare. Penso che siamo forti con le gomme nuove, ma bisogna capire cosa riusciamo a fare dopo 20 giri”.

Interpellato sulla questione dream team Honda, Valentino Rossi ha così affermato: “Credo che sarà interessante, è uno dei motivi chiave della stagione. Di solito quando ci sono due grandi campioni nella stessa squadra ci sono devi vantaggi e a volte qualche svantaggio nella gestione della situazione, ma di solito i vantaggi superano gli svantaggi quindi sarà difficile batterli”.

Il rider di Tavullia ha poi affrontato lo spinoso tema dell’orario di gara: “L’anno scorso abbiamo gareggiato alle 19 e credo che sia più sicuro per noi. Non ho fatto scommesse con i ragazzi dell’Academy, ma in pista non esiste l’amicizia e quando si arriva al circuito ognuno lotta per sé stesso”.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori