CONDIVIDI
Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi dopo le prime tre gare in cui ha messo insieme solo podi è piombato in una crisi davvero profonda. Tutto è cominciato a Jerez, dove il Dottore, è entrato in crisi con le gomme. Poi è arrivato Le Mans e quella sciagurata caduta all’ultima curva mentre era in lotta per la vittoria. Ancora l’incidente pre-Mugello che lo ha reso claudicante durante il GP italiano, infine i problemi Yamaha al Montmelò.

Come riportato da “SportRider”, Valentino Rossi ha provato così ad analizzare la situazione: “Certo è vero Vinales con questa moto era molto competitivo, infatti, ad inizio stagione ha praticamente vinto tutto. Era veloce e competitivo e sembrava naturale pensare che questa era la direzione giusta da seguire”.

La Yamaha ha perso i suoi punti di forza

Il Dottore non sembra amare molto questa M1: “Mi rendo conto che il ritorno al passato non è mai piacevole, ma dobbiamo trovare le sensazioni del 2016. Il punto forte della Yamaha è sempre stata la staccata e la velocità in curva ed è anche il mio forte. Con il 2017 abbiamo perso quel vantaggio. Dopo Jerez avevo chiesto delle cose da testare a Yamaha, spero di vedere queste cose nei prossimi giorni per provare le sensazioni del 2016”.

Infine, Valentino Rossi ha concluso: “Abbiamo bisogno di riprovare le sensazioni del 2016 per essere competitivi con il minimo sforzo. Ho guidato la moto 2016 e quindi sono un buon test driver. Dal primo momento che ho guidato la moto 2017 ho sentito che era difficile da guidare”.

Insomma Valentino Rossi sembra decisamente nervoso e come paventato già da più parti, sembra gradire di più la moto del 2016 rispetto a quella del 2017. A riprova di ciò ci sono le esaltanti prestazioni di Zarco, che in alcune piste è riuscito anche a stare davanti ai due piloti ufficiali.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori