CONDIVIDI
Franco Morbidelli e Valentino Rossi (©Getty Images)

Franco Morbidelli è finalmente campione del mondo Moto2. Un titolo inaspettatamente sofferto, nonostante le 8 vittorie sin qui conquistate. A dargli problemi sino alla fine ci ha pensato Thomas Lüthi, uno che in MotoGP non c’è mai stato, ma che tra 125, 250 e Moto2 ha portato a casa 16 successi e 57 podi.

In questa annata Franco Morbidelli ha stracciato molti record della Moto2 e soprattutto ha riportato in Italia un titolo del Motomondiale che mancava dal 2009, quando Valentino Rossi salì sul tetto del mondo. Per quanto concerne, invece, il mondiale di categoria, il successo tricolore non arrivava dal 2008, quando a vincere fu il compianto Marco Simoncelli.

Avversari in pista, amici fuori

Da Sepang a Sepang, proprio in Malesia, infatti, il Sic conquistò il titolo 2008 in 250 e purtroppo perse la vita qualche anno dopo quando era in MotoGP. Franco Morbidelli, molto emozionato ha voluto dedicare anche a lui questa vittoria. Il successo però è da condividere anche con Valentino Rossi, un maestro che ha creduto in lui dalla prima all’ultima curva.

Il titolo di Morbidelli, infatti, è il primo portato a casa da un pilota della VR46 Academy. Un grande risultato per Valentino Rossi che grazie a questo progetto vuole valorizzare il motociclismo italiano e a quanto pare ci sta riuscendo davvero alla grande.

Come riportato da “Eurosport”, Valentino Rossi a margine della gara ha così dichiarato: “Sono molto felice e fiero di quanto ha fatto Franco. Questo titolo è stato meritatissimo perché quest’anno era a un livello superiore a quello di tutti gli altri. Ha vinto 8 gare e questo significa che ha dominato la stagione. Io penso che l’anno prossimo sarà competitivo sin da subito in MotoGP“.

Il Dottore ha poi continuato: “Certo saremo rivali, parleremo di meno di questioni tecniche, ma non credo che il nostro rapporto si modificherà troppo. Non ci saranno grossi problemi”. Una cosa è sicura, sarà divertente vedere nel 2018 l’allievo e il maestro a confronto.

Antonio Russo