CONDIVIDI
Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

Marc Marquez torna sul tetto del Motomondiale anche nel 2017, dopo aver conquistato il titolo MotoGP anche nel 2016, 2014 e 2013. Sono sei le corone iridate del 24enne spagnolo, contando pure quelle ottenute nelle classi 125 e Moto2.

Numeri spaventosi quelli del pilota del team Repsol Honda, che nel Gran Premio di Valencia ha chiuso terzo con brivido. Infatti alla curva 1 a meno 7 giri dalla fine ha rischiato di cadere clamorosamente. Da grande campione è riuscito a non scivolare, finendo comunque largo e sulla ghiaia. Poco male, considerando che comunque Andrea Dovizioso poco dopo si è steso.

MotoGP Valencia, Marc Marquez felice per il titolo

Marc Marquez al termine del Gran Premio di Valencia 2017 si è concesso ai microfoni di Sky Sport, mostrandosi ovviamente felice per la conquista del sesto titolo: “E’ stata una gara molto lunga. Ho iniziato calmo, poi ho visto che Zarco era dietro e l’ho fatto passare perché non volevo prendere rischi. Durante la gara vedevo che potevo spingere di più, ma preferivo rimanere calmo dietro di lui. Ho fatto l’errore per paura che poi Zarco arrivasse troppo forte. Ho sentito la sua moto molto vicina, dunque ho deciso di staccare un po’ più tardi ma l’ho fatto un po’ troppo. Ho fatto Marquez style anche in gara con la mezza scivolatina”.

In seguito lo spagnolo spende delle buone parole per Andrea Dovizioso, ritiratosi per una caduta avvenuta poco dopo quella di Jorge Lorenzo: “E’ stata comunque una bella gara, volevo che anche Dovizioso la finisse perché è stato un rivale molto forte. Ho imparato molto da lui, soprattutto mentalmente ho appreso tanto sull’approccio alla gara. Mi ha fatto vedere che si può guidare e vincere anche in modo non troppo aggressivo”.

Gli viene chiesto dove posiziona la vittoria di questo Mondiale nella sua carriera: “E’ difficile, però quello del 2013 lo metto sempre come primo dato che non me l’aspettavo ed è stata una sorpresa. Anche quello vinto a Valencia. Questo lo metterei come secondo, perché abbiamo fatto un campionato bellissimo lottando fino alla fine. Ducati e Dovizioso hanno fatto un grande lavoro. A metà stagione anche altri piloti erano vicini. Quando ci sono tanti piloti forti come loro, il campionato è più interessante”.

In seguito gli viene domandato che rivale sia Dovizioso rispetto a Jorge Lorenzo e Valentino Rossi: “Da Dovi ho imparato molto, soprattutto nell’approccio alle gare. Lui mentalmente è molto forte. Capitava che non iniziasse il weekend molto bene, ma dopo in gara era là. A Valencia non ha iniziato bene, però poi in gara è stato vicino. Ho imparato delle cose da lui. Da Lorenzo la velocità, era molto molto forte. Di Valentino Rossi l’esperienza”.

 

Matteo Bellan