CONDIVIDI
Dani Pedrosa (Getty Images)

MotoGP | UFFICIALE: La Honda lascia a piedi Dani Pedrosa

Ora è ufficiale, Dani Pedrosa nel 2019 non correrà più per la Honda. La notizia era già stata ventilata in mattinata, ma ora c’è la definitiva ufficialità. Lo spagnolo lascia la HRC dopo 13 anni di onorato servizio alla fine di quella, che ad oggi, sembra essere proprio la sua peggiore stagione in MotoGP.

La situazione è davvero molto particolare. Dani Pedrosa, infatti, pur essendo uno dei piloti più vincenti della storia del Motomondiale, rischia seriamente di restare a piedi. Lo spagnolo ha sin qui vinto 3 titoli mondiali (uno in 125 e due in 250). Nel complesso nel Motomondiale ha vinto 54 gare ed ha ottenuto 153 podi.

Una vita in Honda

Il rider iberico ha anche il particolare record di aver ottenuto almeno una vittoria per 16 stagioni consecutive (in caso di successo quest’anno sarebbero 17). Per lui un’intera carriera in Honda lunga ben 18 anni. Dani Pedrosa, infatti, ha guidato per il team giapponese sin dal suo esordio nel Motomondiale.

Giunto in MotoGP come astro nascente del motociclismo spagnolo era stato portato in HRC con la speranza che facesse ciò che poi ha fatto Marquez. Purtroppo per lui, infatti, non è mai arrivato quello scatto decisivo per vincere il mondiale e alla fine in questi anni sono arrivati solo tre secondi posto nel mondiale. Ad oggi la sua stagione migliore resta il 2012 quando chiuse con 332 punti e ben 7 vittorie.

In seguito all’annuncio Dani Pedrosa ha così commentato: “Voglio ringraziare HRC per tutti questi anni di grande successo. Sono cresciuto non solo come pilota, ma anche come persona con loro. Avrò sempre HRC nei miei ricordi e nel mio cuore. Nella vita abbiamo tutti bisogno di nuove sfide e sento che è tempo di cambiare. Grazie HRC“.

Anche il presidente di Honda, Nomura ha commentato l’addio di Pedrosa: “Oggi è un giorno triste per me. A nome di HRC voglio ringraziare Dani per tutto il suo duro lavoro e vorrei esprimere la nostra gratitudine per questi due decenni insieme. Gli auguriamo buona fortuna e tanti successi. Grazie Dani”.

Antonio Russo