CONDIVIDI
Mattia Pasini (photo Instagram)

Mattia Pasini conquista il primo round invernale segnando il miglior crono nel terzo e ultimo giorno di test Moto2. Il pilota del team Italtrans Racing, dopo una stagione 2017 da protagonista, comanda la classifica combinata con un buon 1’35″779

Dopo l’apertura di test segnata dal maltempo, il giovedì è stato contrassegnato dal bel tempo, con i team che hanno potuto dare sfogo allo sviluppo delle moto. Al secondo posto della classifica combinata si piazza Lorenzo Baldassarri: il marchigiano del team Pons HP40 conferma il grande passo dopo aver chiuso davanti a tutti il mercoledì. Il pilota VR46 Academy paga un ritardo minimo di 16 millesimi dal compagno di Ranch.

“Prima di tutto voglio ringraziare il team perché mi sento molto bene e questo è il modo migliore per iniziare l’anno”, ha detto il Balda. “L’atmosfera è fantastica all’interno di tutta la squadra, mi sto divertendo con la moto e volevo recuperare questa sensazione. Oggi la pista era abbastanza buona e abbiamo migliorato il record, siamo veloci e molto competitivi, spero di andare a Jerez e continuare a lavorare come prima”.

Terzo podio immaginario della Moto2 va a Simone Corsi (Tasca Racing Scuderia Moto2), vittima di una caduta senza conseguenze che non gli ha impedito di piazzarsi davanti a Miguel Oliveira (Red Bull KTM Ajo), uno dei principali candidati al titolo. Eric Granado e Stefano Manzi del team Forward chiudono rispettivamente al 19° e 21° posto.

Romano Fenati chiude in nona posizione a 0,9″ dal best lap: “”Il primo approccio nel test è stato indubbiamente positivo. Abbiamo saltato il primo giorno a causa del maltempo, ma ieri e oggi abbiamo girato bene. Sono davvero molto contento perché i miglioramenti sono stati graduali e costanti. Siamo stati veloci e abbiamo lavorato tanto e bene. Adesso andiamo a Jerez concentrati, con tanta voglia di imparare e di andare forte”.

Test Moto3

In Moto3 è Jorge Martin (Del Conca Gresini) a chiudere al comando la sessione di Test IRTA a Valencia in 1’39″612, seguito dall’arrembante Enea Bastianini del team Leopard con un gap di 95 millesimi e da Marco Bezzecchi (Prustel GP). Quinto Niccolò Antonelli, settimo Tony Arbolino, undicesimo Lorenzo Dalla Porta.

“Abbiamo fatto solo una sessione, lavorando sul freno motore che è dove abbiamo trovato maggiori problemi con rispetto al nuovo propulsore – ha detto Jorge Martin -. Credo che il poco lavoro portato a termine sia stato positivo e ora vogliamo andare a Jerez a sfruttare al meglio la prossima tre giorni già che qui non siamo stati fortunatissimi con le condizioni climatiche”.

“E’ stato un test abbastanza positivo – ha dichiarato Enea Bastianini -. Il primo giorno non abbiamo girato a causa del freddo; ieri siamo scesi in pista e ho iniziato a togliere un pò di ruggine che avevo addosso e prendere le posizioni in sella. Oggi abbiamo iniziato a lavorare subito e la seconda sessione in particolare è stata molto buona, grazie al clima favorevole e al poco vento. Mi sono concentrato sul passo costante e sulla fase di centro-curva. Con la squadra c’è gran sintonia!”.

Buona la prestazione di Tony Arbolino del team Marinelli Snipers: “Tutto molto bene, sono contento di come lavora tutto il team e con Mirko (Cecchini, capo tecnico) mi trovo a mio agio. Ho tanto feeling con la moto e mi rendo conto di essere migliorato su tanti piccoli aspetti, grazie al lavoro svolto durante l’inverno. Anche se la moto non era perfetta ora riesco a guidare come mi piace a me e tenere un buon ritmo anche girando da solo. Mi ritengo soddisfatto della moto e del team, e fra 3 giorni si torna in pista!”.

Da Lunedì si tornerà in pista, questa volta un poco più a sud, sul circuito di Jerez de la Frontera, con la speranza che il meteo sia più clemente. In pista vedremo anche il team SKY VR46 e Marc VDS.