CONDIVIDI
Ramon Forcada
Ramon Forcada (©Getty Images)

MotoGP, terremoto in Yamaha: Ramon Forcada alza la voce, Maverick Vinales censurato.

Nel fine settimana della MotoGP a Brno, la situazione in Yamaha resta molto tesa, soprattutto nel team di Maverick Vinales. Venerdì scorso lo spagnolo ha annunciato che Ramon Forcada non sarà il suo capo squadra il prossimo anno e sarà sostituito da Esteban Garcia, con cui nel 2013 è diventato campione del mondo Moto3.

Forcada, che ha vinto tre Campionati del Mondo MotoGP con Jorge Lorenzo, ha però sottolineato che Vinales non gli ha mai parlato personalmente della scissione. “Yamaha mi ha detto che non sarebbe andata avanti, ma il pilota non mi ha detto una parola”, ha detto al canale televisivo spagnolo Movistar. “Yamaha mi ha detto pochi giorni fa che era possibile rompere e stiamo cercando una soluzione, non è stato ancora deciso nulla, ma sicuramente resterò con la Yamaha, forse nella nuova squadra satellite, ma non lo sappiamo ancora perché è una nuova squadra”.

Yamaha no comment

Da settimane la situazione nel box di Vinales è tesa. Spesso lo spagnolo si è lamentato del fatto che non sono state trovate soluzioni ai problemi e che la squadra di Valentino Rossi lavora meglio. È questa la ragione della rottura? “Non lo so”, dice Forcada. “Io non so cosa sia successo. Bisogna chiedere a lui. Non ha detto una parola, non si lamentava e non hanno mostrato gesti brutti. Niente! Dovete chiedere a lui, non posso dire questo”. Ma il nodo è difficile da sciogliere: a Vinales non è permesso parlarne con i giornalisti.

Quando Vinales ha parlato ai media sabato dopo le qualifiche, i giornalisti hanno dovuto aspettare. Vinales era nell’ufficio del direttore di gara Yamaha Lin Jarvis per 20 minuti, dove gli è stato ordinato di parlare solo delle sue qualifiche e non parlare della situazione Forcada. Ora l’equipaggio del pilota di Roses deve completare la stagione in corso. Forcada parla di professionalità: “Facciamo lo stesso lavoro di prima, la metodologia è la stessa di prima, non importa per me, cercherò di vincere con questa moto e con lui fino all’ultima gara, farò il mio lavoro come al solito, non cambierà nulla, non so cos’altro potrei fare”. Secondo alcune indiscrezioni, Ramon ha anche accennato che Brno potrebbe essere la sua ultima gara. La Yamaha non ha ancora commentato l’intera situazione. Ma è chiaro che non lavorerà per Lorenzo in Honda il prossimo anno nè per Valentino Rossi. Lo sbocco più logico è di essere al fianco di Franco Morbidelli nel neonato team satellite SIC Petronas.