CONDIVIDI
Marco Melandri Chaz Davies
Marco Melandri e Chaz Davies (©Getty Images)

Quella di Imola è stata in parte una batosta per Ducati. Dopo le due doppiette di Chaz Davies nel 2016 e nel 2017, ci si aspettava un weekend diverso. Invece ha dominato Jonathan Rea con la Kawasaki.

In Gara 1 il gallese è arrivato quarto, dopo una partenza negativa e un lungo, mentre Marco Melandri ha fatto podio giungendo terzo. In Gara 2 Davies è rimasto in testa finché ha potuto, salvo poi arrendersi al tre volte campione del mondo Superbike. Invece per il ravennate è arrivato un ritiro a causa di un contatto provocato da Michael van der Mark. Un peccato, perché era quarto e forse poteva giocarsi il podio. In ogni caso, Rea e Kawasaki hanno allungato nella classifica SBK e in Ducati dovranno reagire nelle prossime gare

Superbike, Davies e Melandri ancora in Ducati?

E tra un po’ la casa di Borgo Panigale dovrà approfondire i discorsi sul proprio futuro in Superbike. Non è in dubbio l’impegno del campionato, considerando pure che nel 2019 debutterà la Panigale V4, ma bisognerà vedere con quali piloti correrà la squadra. Il team manager Serafino Foti a Tuttomotoriweb ha dichiarato che l’intenzione è di tenere sia Davies che Melandri. Cosa confermata anche da Gigi Dall’Igna nel weekend di Imola.

Le trattative con i due rider non sono ancora entrate nel vivo. E ciò ovviamente li autorizza a parlare anche con altre case. Forse in Ducati vogliono prima risolvere la questione Dovizioso-Lorenzo in MotoGP e poi sistemare le cose in SBK. Ciò rischia di avvantaggiare chi vuole puntare su Davies e Melandri, però a Borgo Panigale probabilmente ritengono che i due non abbiano alternative migliori e dunque non accelerano ancora i negoziati.

In effetti, tolto qualche spiffero sull’interesse di Yamaha per Chaz, non è uscito granché. Il mercato Superbike sembra abbastanza fermo. A proposito di Davies, queste sono state le sue parole nel weekend in merito al proprio futuro: «Sto aspettando di conoscere i loro piani – riporta MotorSport.com – e se posso adattarmici. Tutti i piloti sono aperti alle discussioni, lo stesso vale per me. In Ducati ho trovato il mio posto, loro e io abbiamo fatto tanto insieme e il passo successivo sarebbe il V4. Però nessuno finora mi ha parlato dei piani Ducati, penso stiano pianificando internamente».

Non dimentichiamo che praticamente tutti sono in scadenza di contratto, dunque sarà interessante vedere se ci saranno delle sorprese. Anche Jonathan Rea con Kawasaki non ha ancora rinnovato. Il tre volte campione del mondo SBK è molto legato alla casa di Akashi e ci si immagina un accordo tra le parti. Tuttavia, sarebbe affascinante vederlo in sella a un’altra moto. Magari su una Ducati… Però per ingaggiare il nord-irlandese servirebbe un investimento particolare e a Borgo Panigale forse non hanno intenzione di farlo.

 

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori