CONDIVIDI
Marco Melandri SBK Superbike
Marco Melandri (foto Instagram)

Superbike, Marco Melandri rimane nel 2019? E’ vicino al team GRT Yamaha

Sembra essere stata trovata una soluzione per far rimanere Marco Melandri nel campionato mondiale Superbike. Dopo essere stato scaricato dalla Ducati e non aver trovato altre sistemazioni, pare che adesso una sella per il ravennate ci sia.

E’ quella della Yamaha del team italiano GRT Racing, che nel 2019 farà il proprio esordio in SBK con due moto. Una affidata a Sandro Cortese, campione del mondo Supersport 2018, e l’altra quasi sicuramente a Melandri. Nei piani iniziali quel posto avrebbe dovuto andare a Lucas Mahias, ma l’offerta economica troppo bassa ha spinto il francese a rimanere in Supersport spostandosi nel team Puccetti Kawasaki. I piani sono cambiati, dunque.

Superbike 2019, Melandri sulla Yamaha del team GRT?

Nonostante da Yamaha fosse stata espressa la volontà di affidare la seconda R1 comunque a un pilota più giovane (i candidati erano Federico Caricasulo e Florian Marino), alla fine sembra che sarà Melandri a guidarla. Secondo qualche indiscrezione, ci sarebbe anche la spinta della Dorna dietro questa operazione. Un campionato già poco attraente come la Superbike non può perdere uno come il ravennate, pilota italiano con più gare vinte nella categoria e ancora competitivo. Una mossa utile anche nell’ottica di strappare un nuovo contratto tv in Italia, visto che Mediaset non ha ancora rinnovato e non si sa se Sky abbia intenzione di investire nel WorldSBK.

Alberto Vergani, manager di Melandri, ai microfoni di MotoSprint ha confermato che è vicinissimo il passaggio del 36enne rider nel team GRT Yamaha: «Non è ancora ufficiale, ma è altamente probabile». In questi giorni potrebbe esserci l’ufficialità dell’operazione. Sono i giorni dell’EICMA, la più importante rassegna espositiva mondiale di moto, a Milano e ci sono squadre SBK che hanno svelato i propri piani per il 2019. Potrebbe esserci entro il fine settimana anche l’annuncio riguardante l’ormai ex pilota Ducati.

Melandri aveva esordito nel WorldSBK proprio in sella alla Yamaha nel 2011, chiudendo al secondo posto in campionato dopo 4 vittorie e altri undici podi. Poi la casa di Iwata decise di abbandonare la Superbike e dunque il pilota passò alla BMW, dove rimase due anni sfiorando la vittoria del titolo nel 2012. Nel 2019 non correrà nel team ufficiale giapponese, però comunque la sua R1 dovrebbe essere competitiva. I rapporti tra Yamaha e la squadra GRT Racing sono strettissimi, pertanto la collaborazione consentirà a Marco di poter dire la sua. Ovviamente, attendiamo l’ufficialità.

 

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori