CONDIVIDI
Marco Melandri Sandro Cortese Yamaha GRT Superbike SBK
Marco Melandri e Sandro Cortese (foto WorldSBK)

Superbike 2019, Test Jerez: le impressioni di Melandri e Cortese.

Due giorni di test molto importanti a Jerez per il team GRT Racing. Sia Marco Melandri che Sandro Cortese hanno lavorato molto per avere un buon feeling in sella alla Yamaha R1.

Il 36enne pilota di Ravenna sperava di essere messo un po’ meglio. Ha avuto qualche difficoltà a livello di gomma posteriore. C’è del lavoro da fare. Deve percorrere ancora molti chilometri pure il compagno, esordiente in Superbike ma comunque sulla buona strada. Il test di Portimao (27-28 gennaio) aiuterà entrambi a fare progressi nelle aree in cui hanno maggiore bisogno. Non scordiamo che anche la squadra GRT è al debutto in SBK, seppur ben supportata da Yamaha in questa nuova avventura.

Superbike 2019, Jerez Test: parlano Melandri e Cortese

Marco Melandri ha chiuso il test Superbike di Jerez con l’ottavo tempo finale. Uno come lui non può sicuramente essere contento del piazzamento, però sa di essere all’inizio con la Yamaha R1 e serve un po’ di tempo prima di poter essere davanti. L’importante è lavorare nella giusta direzione.

Ripreso dal sito ufficiale Yamaha Racing, il ravennate ha così commentato questi due giorni di prove in Spagna: «Abbiamo capito molte cose e il mio passo gara non è così male – spiega -. Al momento il mio problema è che ogni volta che monto una gomma posteriore nuova non riesco ad essere veloce. Alla fine della giornata comunque abbiamo capito qualcosa. Ci serve tempo, non è facile ma dobbiamo venirne fuori, migliorando passo dopo passo, assecondando le mie sensazioni per poi spingere forte quando sarò pronto».

Sandro Cortese ha fatto meglio del più esperto compagno, concludendo con un buon sesto tempo il test di Jerez. Il pilota del team GRT Racing è soddisfatto del lavoro svolto, però sa che c’è ancora molto da fare: «Alla fine è stato un ottimo test per noi. Mercoledì non siamo riusciti a testare nulla, perché ci è voluto del tempo per trovare un po’ di grip sul nuovo asfalto. Il secondo giorno siamo riusciti a fare molto lavoro. Purtroppo ho avuto anche un incidente, che ci ha fatto perdere un po’ di tempo, ma alla fine della giornata abbiamo apportato alcune modifiche molto importanti al set-up, soprattutto perché mi sentivo troppo al limite con la moto. Nell’ultima ora abbiamo migliorato molto e ci è sembrato molto più facile guidare velocemente, quindi siamo finiti in alto. Ora dobbiamo vedere cosa succede a Portimão, che è una pista molto diversa. Ma sappiamo dal passato che se una moto funziona bene a Jerez, allora questo si traduce anche in altre piste».

 

 

 

 

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 

 

 

 

 

 

 
 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

@marcomelandri33 pronto a partire per continuare ad imparare e migliorare con la sua #Yamaha YZF-R1 💪🏻 #YamahaRacing #WeR1 #PreseasonTest #WorldSBK

 

Un post condiviso da GRT Yamaha WorldSBK Team (@grtyamahawsbk) in data:

 

 

 

 

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 

 

 

 

 

 

 
 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

By the way, Happy #WheelieWednesday from Jerez! | #YamahaRacing #WeR1 #WorldSBK

 

Un post condiviso da GRT Yamaha WorldSBK Team (@grtyamahawsbk) in data:

 

Matteo Bellan

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori