CONDIVIDI

Dall'igna gigi ducati Superbike 2019

Superbike 2019: Bautista trionfa, ma Dall’Igna a Ciabatti con i piedi per terra.

L’ultimo è stato un gran weekend per Ducati, che ha visto la propria Panigale V4 R debuttare in maniera vincente nel campionato mondiale Superbike 2019. In Australia c’è stata una supremazia abbastanza netta di Alvaro Bautista, vincitore di tutte le manche previste a Phillip Island.

Normale che questo successo gasi l’ambiente e dia la prova che il progetto della moto quattro cilindri è ben riuscito. Ma ovviamente il reparto corse della casa bolognese sa perfettamente che questo era solamente il primo gran premio. La stagione è ancora lunga ed è presto per cantare vittoria, soprattutto contro un quattro volte campione SBK come Jonathan Rea.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di MotoGP, Superbike e F1 CLICCA QUI

Superbike 2019, Ciabatti e Dall’Igna dopo il GP Australia

I vertici Ducati non erano in Australia nel fine settimana, visto che in contemporanea in Qatar si svolgevano gli ultimi test pre-campionato MotoGP 2019. Tuttavia, le gare della Superbike sono state seguite con grande interesse e c’è stata molta soddisfazione nel vedere Bautista trionfare in sella alla Panigale V4 R. Inevitabile provare gioia ed avere grande fiducia per il futuro.

Paolo Ciabatti, direttore sportivo di Ducati, ha così commentato lo straordinario GP inaugurale del campionato SBK 2019: «Incredibile, è stato un inizio perfetto di una nuova era per Ducati. E’ un nuovo progetto basato sul prototipo MotoGP del 2015 e abbiamo lavorato duramente per essere pronti. Vincere tre gare è qualcosa da ricordare. Ma il campionato è lungo e mancano molte gare, non sarà facile. Rea è un pilota forte e il pacchetto Kawasaki è veramente competitivo. Siamo felici di avere cominciato così, ma è solamente l’inizio. Vedremo cosa succederà più avanti».

Anche Gigi Dall’Igna, direttore generale della casa di Borgo Panigale, ha espresso il proprio pensiero sul vincente esordio di Bautista sulla V4 R: «Feeling bellissimo, è difficile fare gare come queste con una nuova moto, un nuovo progetto e un nuovo pilota. Durante lo scorso anno abbiamo prodotto un grande sforzo per preparare questa moto. Siamo felici per le persone che lavorano in Superbike. Non è solo questione di motore o telaio, ma trovare il giusto compromesso per raggiungere questi obiettivi».

 

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori