CONDIVIDI
Marco Melandri Phillip Island
Marco Melandri (©Getty Images)

Dopo il trionfo in Gara 1, il team Aruba Racing Ducati si conferma vincente anche in Gara 2 nel Gran Premio d’Australia 2018 Superbike. A Phillip Island a vincere e a fare bottino pieno è Marco Melandri, che non poteva immaginare un inizio di campionato SBK migliore.

L’esperto pilota ravennate nella seconda manche ha avuto la meglio su Jonathan Rea in volata finale. Una vera beffa per il campione in carica, che dopo una Gara 1 deludente aveva accarezzato la vittoria ed è stato battuto dal ducatista al fotofinish. Doppietta per Melandri, inizio di campionato perfetto. Completa il podio un bravissimo Xavi Fores con la Panigale R del team privato Barni. Podio sfiorato nella prima manche, poi nella seconda obiettivo raggiunto. Una terza piazza che soddisfa non poco lui e la squadra italiana.

Chiude in quarta posizione Tom Sykes, che precede la Yamaha di Alex Lowes e la Honda di Leon Camier. Settima piazza per Michael van der Mark con l’altra R1 del team Pata. Dietro l’olandese c’è Jordi Torres su MV Agusta, seguito da Loris Baz su BMW. Chiude la top 10 il talento turco Toprak Razgatlioglu.

Sbaglia Chaz Davies, che scivola con la sua Ducati e perde una grande occasione. Caduta clamorosa anche per Eugene Laverty, che su Aprilia è  scivolato mentre era in testa a inizio gara. Chiude comunque quindicesimo, con 1 punto, ma c’è rammarico per il team Milwaukee, considerando pure che Lorenzo Savadori non ha corso nessuna delle due gare per via di una clavicola fratturata nella Superpole. A punti anche le Honda di Jake Gagne (team Red Bull) e quella di Patrick Jacobsen, rispettivamente tredicesimo e quattordicesimo. A punti anche Roman Ramos (Go Eleven Kawasaki) e Leandro Mercado (Orelac Kawasaki)

Da segnalare che questa Gara 2 ha avuto il flag-to-flag obbligatorio, i piloti tra il 10° e il 12° giro dovevano rientrare per cambiare gomma. Purtroppo a Phillip Island la Pirelli non si è presentata nella migliore delle maniere, gli pneumatici si consumavano più del previsto e dunque c’erano problemi di sicurezza. Yonny Hernandez, ad esempio, non è proprio partito nella seconda manche dopo una caduta in Gara 1 proprio per il cedimento della gomma. Ciò gli è costato una lesione alla clavicola sinistra.

SBK AUSTRALIA 2018, GARA 2: ORDINE DI ARRIVO

1. Marco Melandri ITA Aruba.it Racing Ducati Panigale R 22 laps

2. Jonathan Rea GBR Kawasaki Racing ZX-10RR +0.021s

3. Xavi Fores ESP Barni Ducati Panigale R +0.304s

4. Tom Sykes GBR Kawasaki Racing ZX-10RR +1.488s

5. Alex Lowes GBR PATA Crescent Yamaha R1 +2.474s

6. Leon Camier GBR Red Bull Honda CBR1000RR SP2 +2.745s

7. Michael van der Mark NED PATA Yamaha YZF-R1 +3.098s

8. Jordi Torres ESP MV Agusta 1000 F4 +14.301s

9. Loris Baz FRA Althea BMW S1000RR +14.361s

10. Toprak Razgatlioglu TUR Puccetti Kawasaki ZX-10RR +19.785s

11. Roman Ramos ESP Team GoEleven Kawasaki ZX-10RR +25.237s

12. Leandro Mercado ARG Orelac Racing VerdNatura Kawasaki ZX-10RR +40.504s

13. Jake Gagne USA Red Bull Honda CBR1000RR SP2 +58.923s

14. PJ Jacobsen USA TripleM Honda CBR1000RR SP2 +1m

15. Eugene Laverty IRE Milwaukee Aprilia RSV4 +2 laps

Did not finish:

Chaz Davies GBR Aruba.it Racing Ducati Panigale R

Ondrej Jezek CZE Guandalini Yamaha YZF-R1

Daniel Falzon AUS Yamaha Racing Team YZF-R1

Did not start:

Yonny Hernandez COL Team Pedercini Kawasaki ZX-10RR

Troy Herfoss AUS Penrite Honda CBR1000RR SP2

Wayne Maxwell AUS Yamaha Racing Team YZF-R1

Lorenzo Savadori ITA Milwaukee Aprilia RSV4

 

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori