CONDIVIDI
Stefano Manzi
Getty Images

Stefano Manzi: “Pronto a perdonare Romano”. La famiglia annuncia azioni legali.

Stefano Manzi a caldo aveva dichiarato che non avrebbe mai perdonato Romano Fenati dopo quel folle gesto durante la gara di Moto2 a Misano. A distanza di pochi giorni l’allievo della VR46 Academy tende una mano all’avversario: “Quando Romano ha allungato il braccio ho avuto quel mezzo secondo di riflessione per capire che c’era qualcosa che non andava, ma sono convinto che non volesse farlo con cattiveria, nonostante il gesto sia brutto” ha commentato Manzi a Sport Mediaset.

Il pilota Forward però non concorda con quanto dichiarato da Fenati nei giorni scorsi, quando ha parlato di provocazioni nei giri precedenti. “L’unica cosa che non mi è piaciuta è quando ha parlato di provocazioni: io non ho provocato nessuno, la bagarre e le sportellate fanno parte del nostro sport. A ogni modo, non ho avuto paura: è stata una ‘sbacchettata’, avrei preso paura se fosse andata peggio. Anche se, onestamente, dopo un fatto del genere non penso che avremmo potuto convivere nello stesso team, ma prima di Misano non ho mai avuto problemi con lui. Sono già pronto a perdonarlo, facciamo soltanto sbollire un attimo le cose: non gli ho fatto causa e non ho intenzione di farlo, preferisco metterci una pietra sopra e andare avanti”.

La famiglia di Romano Fenati adesso è intenzionata a portare avanti un’azione legale contro le persone che hanno avanzato minacce di morte. “Da questa tempesta tireremo fuori qualcosa di buono” ha scritto Sabrina Fenati, madre di Romano, sul suo profilo Facebook. “Abbiamo formato una grande squadra che volontariamente sta raccogliendo tutto ciò che di violento e minaccioso abbiamo ricevuto. Raccoglieremo tristemente tutto e denunceremo alle autorità competenti tutti coloro che hanno ferito e minacciato. Chiederemo il risarcimento dei danni subiti soprattutto morali oltre che di immagine. Il tutto sarà devoluto alle vittime di cyberbullismo”.

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News.