CONDIVIDI
Sete Gibernau (©Getty Images)

La stagione 2017 si chiude con un bilancio positivo per Dani Pedrosa, quarto posto finale dopo la vittoria di Valencia, dopo aver scalzato la piazza a Valentino Rossi. 2 vittorie e 7 podi che stampano un sorriso anche sul volto di Sete Gibernau, al primo anno nelle vesti di personal coach del veterano spagnolo.

L’ex pilota lavora dietro le quinte, funge da guru e da assistente di pista, si ritiene soddisfatto di questo primo anno nel box. “Non ho mai pensato di tornare indietro e neanche di fare quello che sto facendo ora, penso che questo confermi il fatto che dobbiamo reinventarci ogni giorno – ha detto Gibernau a Radio Catalunya -.Quello che Dani ha bisogno è di essere un campione… È un processo molto lungo… Non sarà da un giorno all’altro, abbiamo concluso un anno e sono soddisfatto che abbiamo un rapporto a lungo termine. La vittoria migliore è vedere Dani sorridere, la cosa bella è che penso che abbia ancora una possibilità”.

Una stagione di alti e bassi come qualsiasi pilota, ma per chiunque è difficile dover fare i conti con un compagno di squadra del calibro di Marquez. “Marc è un grande leader, fa sì che le persone al suo fianco abbiano molta fiducia perché ce l’ha in se stesso, questo è ciò che lo rende quello che è, ha un grande talento e fiducia in se stesso – ha aggiunto Sete Gibernau -. Ha avuto una grande stagione, ha trovato nuove situazioni e un nuovo rivale molto diretto, che è stato in grado di gestire ed è ammirevole. Ha fatto un ottimo lavoro ed è cresciuto molto “.

Con una MotoGP ad altissimi livelli non è facile ergersi davanti agli altri. Serve una marcia in più che non sempre è facile trovare. “C’è sempre stato un buon livello, solo i migliori arrivano in MotoGP. Ora sono Marc, Dani, Jorge, Viñales, Valentino, anche se non è al suo apice. Non è al suo meglio, ma è stato ad un livello molto alto e lo è ancora. E’ ammirevole che sia ancora in lotta e basa tutto sulla speranza”.