CONDIVIDI
Andrea Iannone
Andrea Iannone (©Getty Images)

MotoGP | Kevin Schwantz boccia Andrea Iannone: “Non è la scelta giusta per Suzuki”. E su Jorge Lorenzo: “Ha perso la fiducia”.

Kevin Schwantz, ex stella Suzuki e campione della classe 500 nel 1993, ritiratosi dal Motomondiale per un infortunio al polso, non ha mai risparmiato critiche ad Andrea Iannone, reo a suo dire di non impegnarsi abbastanza in sella alla GSX-RR. “Se non se la sente di rischiare, dovrebbe andare a girare in go kart – ha detto alcuni mesi fa in merito al pilota di Vasto -. I giapponesi sono educati e si scusano per i risultati, invece dovrebbe scusarsi lui”.

A stagione iniziata il suo punto di vista non è cambiato. Il pilota italiano ha conquistato il nono posto in Qatar e l’ottavo in Argentina, al contrario del più giovane compagno di team Alex Rins, salito sul podio di Rio Hondo e dimostratosi più veloce nei test invernali. L’ex alfiere Ducati, dopo una prima stagione deludente con Suzuki, tarda a trovare il feeling con la moto e Schwantz non tarda a mettere il dito nella piaga: “Continuo a pensare che Iannone non sia la scelta giusta per la Suzuki, ha trovato lo scenario perfetto in Ducati, avendo al suo fianco il miglior pilota di sviluppo”, ha detto a Motorsport.com riferendosi all’ex compagno di squadra Andrea Dovizioso. “Poteva guidare per tutto il fine settimana come desiderava, senza provare o aggiungere nulla, quindi doveva solo dire: ‘Datemi quello che usa Dovi usa, sarò più veloce di lui'”.

Kevin boccia anche Jorge Lorenzo

L’ex campione del mondo Kevin Schwantz prevede una stagione difficile nel 2018 anche per Jorge Lorenzo. Dopo le prime due gare il bilancio è disastroso: un punto in due gare, complice lo zero del Bahrain per un problema ai freni di cui Brembo si è assunto ogni responsabilità. Ma in Argentina non ha avuto attenuanti, con il ko di Rossi e la doppia (tripla) sanzione a Marquez avrebbe potuto approfittarne, invece è riuscito a conquistare un solo punto. “Questo problema di frenata in Qatar può avere un grande impatto su un pilota, è difficile riuscire a dimenticare”, ha affermato Schwantz. “Non credo che possa andare su una moto che è solo al 95 per cento, questo è attualmente il suo problema. La moto non è male, ma è solo al 95 per cento di come la vuole… A peggiorare le cose, gli manca anche la fiducia”.

Promosso a pieni voti, invece, Andrea Dovizioso, padrone della Desmosedici e capace di tratte il massimo anche da situazioni difficili. Dopo lo zero di Marquez in Argentina la strada potrebbe rivelarsi in discesa per il forlivese della Ducati. “Non vedo alcun motivo per cui non dovrebbe andare avanti e lottare nuovamente per il titolo… Hanno vinto la prima gara, non è stata una grande vittoria, ma hanno fatto il meglio e hanno raccolto dal buon lavoro svolto”, ha detto Kevin Schwantz. Per il Dovi prevede una grande stagione, ma su Lorenzo sembra meno ottimista…