CONDIVIDI
Carmelo Ezpeleta
Carmelo Ezpeleta (©Getty Images)

MotoGP Austin | La Commissione per la Sicurezza ha promesso sanzioni più severi per i piloti trasgressori del regolamento.

Nell’edificio a U situato nell’autodromo di Austin si è tenuta la tanto attesa riunione del Comitato per la Sicurezza, durata 45 minuti, alla presenza di 19 dei 24 piloti della MotoGP. Assenti Jorge Lorenzo, Scott Redding, Hafizh Syahrin, Franco Morbidelli e Tito Rabat.

Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, è stato il primo a prendere la parola avvertendo i piloti che i commissari FIM saranno più severi nell’applicazione del regolamento e nelle sanzioni. Diversi piloti hanno preso la parola ma non tutti sembravano concordi tra loro. I due principali protagonisti, Valentino Rossi e Marc Marquez, non hanno parlato. Il Dottore al termine della riunione avrebbe commentato: “Ci saranno sanzioni più dure? Può essere”. Maverick Vinales ha mostrato un po’ di perplessità: “È difficile, tutti la pensano in modo diverso. Il regolamento non deve essere modificato, deve essere eseguito”.

Le parole di Danilo Petrucci

Pochi gli attimi di tensione, nessun confronto faccia a faccia. Un riassunto viene fornito da Danilo Petrucci a Sky Sport: “Per il passato siamo stati invitati a non continuare a rivangare su ció che è stato, anche perchè per il futuro, da qui in poi, gli Steward della FIM saranno più severi nelle loro sanzioni. Questa è la cosa più importante che è emersa. Ci chiedono poi di usare buonsenso nell’utilizzo dei social network quando magari trattiamo i dissapori sulle nostre vicende di gara. La Direzione Gara si è detta aperta a ricevere da noi, anche via email, suggerimenti o consigli, magari anche opinioni su fatti del passato. Alcuni di noi hanno avanzato proposte sulla Commissione degli steward chiedendo di inserire persone più direttamente coinvolte nel nostro sport, magari ex piloti (anche se al momento non sono in previsione cambiamenti di questo tipo n.d.r)”.