CONDIVIDI

La casa di Iwata ha tolto i veli dalla Yamaha YZR-M1 con cui affronterà la stagione 2018 di MotoGP. Una presentazione “porte aperte”, alla presenza del boss Dorna Carmelo Ezpeleta, inauguratasi con le parole del boss Kouichi Tsuji e del team manager Massimo Meregalli. Assente Lin Jarvis per un piccolo problema di salute.

Il cuore è a Madrid, ma la mente è già rivolta ai test di Sepang che prenderanno il via domenica 28 gennaio. Sarà il primo vero banco di prova stagionale per Yamaha chiamata a raddrizzare uno sviluppo mai decollato nella scorsa stagione: “Dobbiamo confermare quanto visto nei test del novembre scorso e provare le nuove parti che arrivano dal Giappone”, ha detto Maio Meregalli. I tecnici hanno il difficile compito di allestire una moto competitiva per riallinearsi ai diretti avversari e puntare alla riconquista del titolo mondiale.

“Gli ultimi test sono stati molto importanti, alla fine dei 5 giorni abbiamo potuto decidere la base della moto che Rossi e Vinales avranno nei prossimi test a Sepang – ha aggiunto il team manager Yamaha -. Dovremo confermare quello che abbiamo scoperto a novembre, perchè inizieremo a sviluppare la moto: lavoreremo soprattutto sull’elettronica, cosa che non abbiamo potuto fare a novembre. L’anno scorso abbiamo sofferto molto nel degrado degli pneumatici, è uno dei punti principali in cui dovremo migliorare”.

Le parole di Valentino Rossi

Il primo pilota a prendere la scena all’ex Matadero di Madrid è Valentino Rossi, reduce da un inverno ricco di allenamenti e dalla vittoria al Monza Rally Show. “Bisogna fare un pochino meno per ragioni di sicurezza. Cercherò di allenarmi il più possibile ma un po’ meno”, ha dichiarato il Dottore, riferendosi all’infortunio rimediato a fine agosto 2017, costatogli un intervento alla gamba destra e la rinuncia al GP di San Marino.

“Dopo l’infortunio di settembre, arrivato in un brutto momento della stagione, non ho sentito forte dolore. Ho sofferto meno dei precedenti, e quando fai questo lavoro la cosa più importante è tornare in fretta sulla moto. Grazie alle buone sensazioni, insieme alla carica dei tifosi, sono riuscito a fare un grande recupero”.

Adesso davanti c’è una stagione importante anche dal punto di vista personale e della sua carriera. “Dobbiamo lavorare e concentrarci molto, soprattutto sull’elettronica e sui dettagli per sfruttare le gomme in maniera migliore”. Valentino Rossi lascia la scena dopo una passerella finale che strappa qualche sorriso al pilota, prima di lasciare la parola a Maverick Vinales.

Le parole di Maverick Vinales

Il pilota di Figueres ha ancora un po’ di amaro in bocca dopo l’inizio strepitoso del 2017 che ha poi preso una brutta svolta. L’obiettivo è puntare al titolo iridato: “Ho cercato di alzare ulteriormente il livello, il mio inverno è stato buono, sono pronto. Ho un ottimo feeling con tutta la squadra, mi sento bene qui, è come una famiglia, sarà un piacere come l’anno scorso raggiungere il massimo livello cercando di conquistare il titolo”.

Quest’anno devo capire sin dall’inizio cosa funziona e cosa no. Sarà importante testare in Thailandia perchè è una pista nuova e bisogna essere pronti. “Non vogliamo commettere gli stessi errori dell’anno scorso, gestendo meglio i test. Vogliamo una moto stabile, migliorare soprattutto sotto la pioggia. Sarà difficile dirlo nei primi giri, servirà qualche giorno, vedremo”. Poi l’annuncio ufficiale sul rinnovo di contratto: “Sono da due anni in Yamaha e resterò ancora altri due anni”, ha ammesso Maverick Vinales. “Ringrazio Yamaha per aver realizzato il mio sogno e speriamo di fare un altro passo avanti quest’anno”.

La nuova livrea della Yamaha YZR-M1 è quasi completamente blu, con le bande bianche presenti sulla moto dello scorso anno che sono sparite, sia sul cupolino che sulla carena laterale, ora più tendenti al grigio scuro. La M del logo Movistar, che fino al 2017 era verde, diventa bianca, sotto alla quale rimane invece una banda nera legata all’altro sponsor Monster Energy.

Luigi Ciamburro