CONDIVIDI
Andrea Iannone Test MotoGP 2018
Andrea Iannone (©Getty Images)

Il test thailandese ha messo sul tavolo un team Suzuki dal doppio volto inedito: Alex Rins ha chiuso al 5° posto nella classifica combinata a fronte del 15° piazzamento di Andrea Iannone, in difficoltà con le gomme nuove. Il team di Davide Brivio ha provato diversi aggiornamenti, come una carena aerodinamica che ha raccolto consensi favorevoli da ambo i piloti. In Qatar si proseguirà il lavoro sul frontale, ma la GSX-RR sembra avere due punti fissi da cui iniziare la stagione: telaio e motore.

Il team Suzuki è soddisfatto a metà dopo le prime due sessioni di test IRTA 2018. Il 22enne pilota spagnolo sembra aver assimilato molte nozioni dopo l’esperienza dell’anno scorso, mentre il più esperto Andrea Iannone è ancora in apnea di prestazioni. “Alex ha lavorato molto bene. Ha testato tutte le opzioni e poi ha scelto. Il suo ritmo era buono, siamo felici – ha ammesso il team manager italiano -. Abbiamo testato tutto ciò che era disponibile per noi. Certo, dobbiamo confermare le nostre impressioni in Qatar ora. Tuttavia è chiaro quale pacchetto utilizzeremo nelle prime gare, almeno in termini di telaio e motore. Testeremo la carenatura aerodinamica in Qatar, ma sembra che stiamo andando nella giusta direzione”.

Il risultato è stato meno euforico per Andrea Iannone, che non ha superato il 15° posto nella tabella dei tempi combinata e ha perso più di mezzo secondo dal compagno di squadra. “Andrea non si sente ancora a suo agio con l’ultima versione della Suzuki quando si tratta della caccia a tempo. Deve lavorare su quest’area. Deve adattarsi meglio alla moto. Saremo in grado di valutare la nostra situazione reale solo dopo le prime gare”, ha aggiunto Davide Brivio.

Difficile trovare la soluzione al problema, ma il Qatar sarà il primo test verità stagionale. “Avevo problemi con le gomme nuove, il tempo sul giro era migliore con le gomme usate, ovviamente sono deluso, ma per me è al momento difficile ottenere il massimo dalle prestazioni delle gomme fresche, non so perchè”, ha riassunto il pilota di Vasto. “Non ci resta che continuare a lavorare”.