CONDIVIDI
Johann Zarco
photo Facebook

MotoGP | Johann Zarco frenato dall’anteriore in Qatar. nel futuro compare Repsol Honda

Fino a sette giri dal traguardo sembrava la gara perfetta di Johann Zarco, partito dalla pole del GP Qatar e sempre in testa al gruppo, fino a quando un problema di grip all’anteriore non lo ha costretto a scivolare in ottava piazza finale. Ma il francese del team Tech3 non perde il sorriso e nell’attesa pensa al mercato piloti: all’orizzonte un possibile passaggio sulla Honda ufficiale di Pedrosa.

Zarco ha lasciato spettatori e avversari attoniti dopo il giro record nelle qualifiche, ma stavolta ha dovuto fare i conti con i limiti della M1. Del resto Losail non è un circuito-amuleto per il ‘prodige’ che nel 2017, dopo essersi piazzato in testa al gruppo, ha pagato un vuoti di esperienza finendo sull’asfalto. La musica quest’anno è diversa, ma l’evoluzione della sua moto non ha portato benefici in Qatar.

“Partire dalla pole position è stata una grande sensazione e una buona opportunità per lottare con i migliori – ha detto Johann Zarco -. Ho fatto una buona partenza e ho preso il sopravvento, perché volevo guidare la gara e poi ero abbastanza tranquillo, non potevo essere più veloce degli altri, ma nessuno mi ha superato… Poi, a sette giri dalla fine, ho provato a spingere un po’ di più forse per fare un gap, ma già durante la gara ho avuto un po’ di problemi all’anteriore, che non ho riscontrato durante le prove. Quando gli altri ragazzi mi hanno superato a cinque giri dalla fine, ho davvero capito che non ero più in grado di usare la gomma anteriore sul lato destro nel modo corretto, per questo non potevo combattere”.

Occhi puntati sulla prossima gara ma anche al mercato, perchè entro il prossimo mese il suo futuro dovrà avere basi certe: “Sarebbe bello avere Marquez come compagno di squadra – ha detto nel corso del week-end -. Il team Repsol è una specie di dream team, da quando guardavo la MotoGP da bambino in TV, ricordo le foto di Mick Doohan, poi di Rossi sulla Honda, poi di Márquez. È sempre stato bello vedere questa squadra”. Quando sarà messo nero su bianco? “Devo aspettare e affrontare questo argomento con calma. Penso che aspetterò le prime tre gare, poi ne saprò di più. Le prestazioni della moto saranno sicuramente un fattore importante nel processo decisionale. Ma devo attendere e vedere quali altre possibilità verranno affrontate. I test sono andati alla grande. Ma le gare saranno decisive”.

Luigi Ciamburro