CONDIVIDI
Casey Stoner nei test Ducati in Malesia
Casey Stoner (©Getty Images)

Per anni i Ducatisti hanno sperato di poter rivedere in gara Casey Stoner, ma più volte l’ex campione australiano ha ribadito il suo secco no alle corse. L’incarico di collaudatore è sufficiente per fargli tornare in mente i momenti d’oro della sua carriera e appagare il suo istinto “pistaiolo”.

Da tre anni Stoner sta apportando un valido contributo allo sviluppo della Ducati Desmosedici, testando materiali e aggiornamenti prima di passarli nelle mani dei piloti ufficiali. Un lavoro propedeutico che rende la strada dello sviluppo maggiormente in discesa, accelerando i tempi e calibrando le sensazioni verso una migliore accettazione. Peccato che Casey non abbia mai soddisfatto la richiesta di tifosi e vertici di vestire i panni di wild card, ruolo che ricopre esclusivamente Michele Pirro.

Il direttore sportivo Paolo Ciabatti ormai non ripone più speranze, è un argomento fuori discussione: “Certo che ci aspettavamo da molto tempo, ma non abbiamo altra scelta che dimenticare questo argomento”, afferma il team manager. a Speedweek.com. “Casey ha detto chiaramente che una vera possibilità c’è stata al GP austriaco 2016. Un anno e mezzo fa il ritiro di Casey dalla stagione 2012 non era poi così lontano. Inoltre, il Red Bull Ring era nuovo per tutti i piloti. Nessuno aveva riferimenti. Anche Casey ha provato per due giorni, insieme a tutti i concorrenti ed era molto competitivo. Pensavamo che Casey potesse mostrare qualcosa in questo Gran Premio… Oltre a questo, Ducati non aveva vinto una sola gara MotoGP dal 2010… Ma per vari motivi, questo piano non fu messo in atto. E ora sappiamo tutti che non accadrà mai più. Purtroppo”.

Casey Stoner continuerà a vestire i panni di collaudatore e ambasciatore Ducati. Dopo i due giorni di test in Malesia (dimezzati per il maltempo) l’ex campione è stato operato alla spalla destra, per un problema che si trascinava da anni alla cuffia dei rotatori. Secondo Davide Tardozzi, team manager del Team Ducati, la riabilitazione sarà lunga e non tornerà in pista prima della fine di settembre. Ora le responsabilità di tester si concentrano tutte nelle mani di Michele Pirro che sarà anche in pista come wild card in diversi Gran Premi, a cominciare dal week-end del Mugello.