CONDIVIDI
Andrea Dovizioso Marc Marquez
Andrea Dovizioso e Marc Marquez (©Getty Images)

Il Gran Premio del Giappone 2017 del Motomondiale è andato in archivio ed è tempo di valutazioni. Per quanto riguarda la MotoGP si può dire che lo spettacolo a Motegi non è mancato. Duello epico sul bagnato tra Andrea Dovizioso e Marc Marquez, vinto dall’italiano all’ultimo giro.

Quella del pilota Ducati è stata una vittoria fondamentale nella corsa al titolo. Innanzitutto per una questione di punti, dato che adesso ce ne sono 11 di distanza dallo spagnolo, e anche per una questione psicologica al fine di rispondere a un rivale che dopo Misano sembrava poter prendere il largo. E’ stata anche la gara del fallimento Yamaha per quanto riguarda un progetto 2017 mai convincente, se non dopo l’illusoria partenza fulminante di Maverick Vinales. Per il 22enne di Figueres nono posto al traguardo, mentre Valentino Rossi è persino caduto al sesto giro.

MotoGP Motegi, Paolo Beltramo su Dovizioso e Marquez

Paolo Beltramo, noto giornalista esperto di motociclismo, su RedBull.com ha fatto la propria consueta analisi post-gara. Inevitabile elogiare il vincitore, Andrea Dovizioso, che in questo 2017 è veramente straordinario: “Il Desmodovi di quest’anno è la vera novità della MotoGP. Quel pilota con qualche limite del passato non c’è più, ora c’è un AD04 consapevole, sicuro, capace di sfruttare le qualità altrui a suo favore. È proprio un Dovi diverso, checchè se ne dica: la gara scorsa a Misano, sempre sul bagnato, aveva vinto Marquez, mentre Andrea era finito settimo. Non era però la crisi di un pilota, di un progetto, di un sogno, ma semplicemente una giornata storta”.

A tre gare dalla fine del campionato MotoGP non c’è più margine di errore. Ci sono 11 punti di distanza tra i due contendenti al titolo e 75 ancora in palio. Adesso si va a Phillip Island, in Australia, dove Marc Marquez vorrà riscattarsi dopo la beffa di Motegi. Beltramo sul rider Honda dice: “Gara fantastica, ma sconfitta pesante non tanto di per sé, quanto per il modo. Per la seconda volta il Dovi lo batte dove MM93 ha costruito la sua leggenda: tentare l’impensabile, rischiare l’insensato, sfruttare contro di lui la sua creatività aggressiva”.

MotoGP Motegi, Paolo Beltramo su Yamaha e Valentino Rossi

Inevitabile parlare anche del capitolo Yamaha. Per il team Movistar il Gran Premio del Giappone è stato un autentico disastro. Maverick Vinales ha detto ormai addio alle sue ambizioni di vincere il titolo mondiale, mentre Valentino Rossi si è ritirato in condizioni di pista bagnata che più volte lo hanno esaltato. Ma questa M1 2017 non riesce ad esaltarlo, anzi.

Beltramo a proposito della crisi Yamaha ha detto quanto segue: “Nelle ultime 10 gare, dopo il successo di Viñales a Le Mans, Yamaha ha vinto una sola volta: con Rossi ad Assen. Poi un sostanziale disastro con qualche podio qua e là. Non è certamente questo un passo da Mondiale, il ritmo che ci si aspettava. Manca il feeling tra le Michelin di quest’anno e la Yamaha. In Giappone sotto l’acqua è definitivamente naufragata la stagione 2017, affondata dalle prestazioni altrui e dai limiti propri, limiti probabilmente camuffati, nascosti dallo straordinario precampionato e dalle vittorie iniziali di Viñales. Ora è tardi per rimediare, anche se restano ancora tre gare per togliersi qualche soddisfazione. Ma vedere un Rossi così in difficoltà sul bagnato, situazione che lo scorso anno l’avrebbe esaltato, fa male. E vederlo scivolare lascia ancora più perplessi”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)