CONDIVIDI
Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

In casa Honda hanno festeggiato un altro anno fantastico per quanto concerne il campionato mondiale MotoGP. Anche nel 2017 Marc Marquez è stato campione del mondo, confermandosi dopo il 2016. Quarto titolo nella classe regina in cinque anni di sua partecipazione, il sesto totale da quando corre nel Motomondiale.

La casa di Tokio ha nello spagnolo il proprio fenomeno. Un pilota in grado di tirare fuori il 101% da una moto competitiva, ma non sempre perfetta. E’ imbarazzante il confronto tra lui e gli altri rider Honda. Il 24enne di Cervera è di un altro livello e sicuramente diventerà una leggenda del motociclismo. Già con i suoi sei titoli di fatto è in quella cerchia di piloti che hanno fatto la storia di questo sport. Solo che, essendo ancora molto giovane, ha ancora tante pagine da scrivere e record da battere.

MotoGP, Nomura (Honda) vuole tenere Marquez

Il 2018 sarà un anno molto particolare, perché scadranno tutti i contratti dei top rider MotoGP. Anche quello di Marc Marquez. Sarà curioso vedere se ci saranno dei rimescolamenti nella griglia di partenza, oppure se non cambierà granché. C’è grande interesse in merito alla scelta dello spagnolo, accostato sia a KTM che a Ducati.

Ovviamente in Honda puntano a trattenerlo. Yoshishige Nomura, presidente HRC, ai microfoni di Marca ha confermato la volontà di continuare con lui come pilota: “Senza dubbio è la nostra priorità numero 1. Darò il meglio di me per rinnovare il contratto”. La casa di Tokio ha le idee chiare, dunque. Il fenomeno di Cervera va trattenuto per i prossimi anni.

Nomura non ha mancato di spendere parole di elogio per Marquez, un pilota che sta facendo cose straordinarie e che a soli 24 anni vanta numeri pazzeschi tra titoli, gare vinte, podi e pole position: “Ha fatto un grande sforzo per vincere, tutta la squadra e tutta la Honda hanno lavorato molto duramente. Questo risultato rende bello il lavoro, sono molto soddisfatto dello sforzo e anche del miglioramento. Quello che mi piace di più è la sua capacità di controllare la moto. Anche la capacità di recuperare, come si è visto in gara. Questo è il meglio di lui. E anche la sua testa”

Il manager giapponese è molto contento di avere Marc come rider nel team Repsol Honda. E’ normale che punti a continuare il rapporto contrattuale e sportivo con lui. Il sei volte campione del mondo è un talento unico. Ovviamente per trattenerlo sarà importante mettere sul piatto un’offerta economica importante. Vedendo che Jorge Lorenzo prende 12,5 milioni di euro annui in Ducati, è plausibile che Marquez possa chiedere una cifra simile.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)