Fabio Quartararo
Getty Images

MotoGP, Wilco Zeelenberg: “Quartararo sbaglierà, tutti fanno errori”

Wilco Zeelenberg, team manager del team Petronas Yamaha, è sorpreso dai risultati di Fabio Quartararo, il miglior rookie dopo le prime tre gare. 7° ad Austin, 10° in classifica piloti, un punto davanti al più esperto Franco Morbidelli con una M1 decisamente più ricca di aggiornamenti.

Al momento il miglior pilota Yamaha alle spalle di Valentino Rossi non è Maverick Vinales ma Fabio Quartararo. Il francese è arrivato settimo ad Austin. Lo scorso fine settimana ha festeggiato il suo 20° compleanno ed è un giovane promettente, tanto da far rimangiare le parole di coloro che vedevano un suo frettoloso salto in classe regina senza troppi meriti. “Non ci aspettavamo che Fabio imparasse così in fretta”, afferma Wilco Zeelenberg in un’intervista a Motorsport-Total.com. L’ex pilota olandese ha un ruolo importante da giocare in questa nuova squadra perché ha molta esperienza, conosce le corse dentro e fuori e sa tutto sulla Yamaha.

Yamaha SRT pronta a sostenere Quartararo

Wilco Zeelenberg sa anche lavorare bene con i giovani talenti, ha gestito il team Yamaha nel campionato mondiale Supersport per molti anni vincendo il campionato con Fabien Foret e Cal Crutchlow. Dal 2010, ha lavorato con il team ufficiale Yamaha con Jorge Lorenzo e Maverick Vinales. Così, Zeelenberg è l’uomo ideale per guidare la nuova squadra e anche per supportare il giovane Quartararo. Quando il pilota transalpino è stato ingaggiato, ci sono state critiche perché aveva vinto solo una gara in Moto2. Ma dal momento che siede sulla Yamaha, può mostrare il suo talento indiscusso. “Anche i test invernali sono andati bene”, afferma Wilco Zeelenberg. “Quando eravamo in Argentina e Austin, dove non ha mai guidato una MotoGP, è stato competitivo dopo alcune sessioni di allenamento. Le statistiche mostrano chiaramente che è molto veloce. Sa anche come controllare la moto, perché finora non è caduto. ”

“Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che è ancora nuovo in questa classe. È ancora molto giovane e farà errori”, ritiene il team manager. “Lo abbiamo già visto in Qatar quando ha spento il motore prima del giro di riscaldamento e ha dovuto partire dalla pit lane. Ciò che ci ha sorpreso è che dopo questo incidente ha avuto gli stessi tempi sul giro. E poi ha realizzato il giro più veloce della gara”. Secondo Zeelenberg, è cruciale che Quartararo continui con la stessa concentrazione dopo questo buon inizio: “È importante che gli piaccia, perché quando si fa pressione e non ci si diverte, allora saranno lunghi fine settimana. Dobbiamo anche sostenerlo se le cose non dovessero andare o dovesse fare errori. Tutti fanno errori, non solo Fabio”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori