CONDIVIDI
Maverick Vinales
Getty Images

MotoGP Thailandia, Maverick Vinales: “Pensavo che Valentino Rossi arrivasse a morte”.

Maverick Viñales ha ottenuto una meritatissima terza posizione nel GP della Thailandia, dopo una grande rimonta finale in cui ha superato Valentino Rossi. Il catalano sapeva come difendersi da un affrettato attacco finale da parte dell’italiano ed è stato in grado di mantenere un terzo posto che ha un buon sapore dopo tutto quello che ha sofferto ad Aragon. Due settimane dopo, la sua moto ha fatto un importante passo in avanti a Buriram, che spera sarà confermato in Giappone per terminare gli alti e bassi sofferti dalla Yamaha con i cambiamenti nel layout.

“Siamo stati molto vicini alle prime posizioni. Abbiamo recuperato un po’ il nostro stile, siamo molto forti alla fine, recuperando negli ultimi giri. È stato molto difficile per me. Cercheremo di ripeterlo in Giappone”. Come al solito Mack ha sofferto un po’ nei primi giri prima di carburare e prendere maggior confidenza nel resto della gara. “Combattere per la vittoria con un inizio migliore? Non credo, perché il lato sinistro della gomma era molto critico e quando ho sofferto così tanto “spin” non credo che alla fine sarei stato così forte. Non potevo passare Cal (Crutchlow), ha accelerato più di noi. Dobbiamo continuare. Mi sentivo forte nei punti in cui non mi sentivo forte nelle altre gare e devo continuare a lavorare. Speriamo che in Giappone, che è una pista simile, la cosa funzioni”.

Stavolta il pilota di Figueres ha avuto la meglio sul compagno Yamaha Valentino Rossi. “Quando mi hanno messo 0″ 2 (alla lavagna, riguardo a Valentino) ho detto, dobbiamo chiudere la porta perché Vale verrà a morte”. Adesso non bisogna adagiarsi sugli allori, serve proseguire il lavoro di sviluppo sulla M1 in termini di elettronica e fare altri passi avanti che facciano chiudere la stagione 2018 con un sorriso, altrimenti l’inverno sarà molto rigido e costellato di preoccupazioni…

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News