CONDIVIDI
Valentino Rossi
Valentino Rossi (getty images)

In Qatar è arrivata la prima vittoria stagionale per Valentino Rossi, su un circuito ‘amico’ delle Yamaha, dove le Honda non sono andate oltre il quinto e sesto piazzamento. Un motivo in più per attendersi un’altra gara al cardiopalma sul tracciato texano di Austin, dove Marc Marquez scenderà in pista con la voglia di riscatto, per rimettersi in fila nella corsa al titolo iridato.

Ma il campione di Tavullia, dopo l’eccellente prestazione, sa bene che con le giuste scelte tecniche e migliorando le qualifiche il decimo titolo mondiale in carriera non sarà più un miraggio, ma un obiettivo alla portata di mano. In un’intervista rilasciata sul sito ufficiale del COTA Il Dottore ripercorre il Gran Premio delle Americhe del 2014.

“Austin è veramente bello, sia la pista sia la città. Devo dire che non è uno dei miei circuiti preferiti, ma personalmente mi piace il layout. Purtroppo per Yamaha non è il posto migliore. Lotteremo tanto e cercheremo di fare del nostro meglio, ma non riusciamo a trovare il compromesso ideale per andare veloce. Ma la pista è molto moderno e mi piacciono alcune curve. D’altra parte troviamo due lunghi rettilinei e questi sono i punti deboli per noi”.

Ma se i tecnici della casa di Iwata hanno ben lavorato nei mesi invernali la YZR-M1 potrebbe essere maggiormente competitiva nel prossimo week-end di gara: “Penso che possiamo fare ancora meglio in questa stagione , soprattutto perché la moto è buona e abbiamo alcuni importanti miglioramenti. Vorrei essere sul podio, ma non sarà facile – ha concluso Valentino Rossi -. I nostri avversari sono molto forti su questa pista”.