CONDIVIDI
Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi ci ha provato, ma il suo ricorso è stato respinto dal Tas di Losanna e quindi partirà dall’ultima fila nel Gran Premio di Valencia, il round finale che deciderà il nome del campione del mondo 2015 di MotoGP. La sanzione di tre punti sulla patente ricevuta dopo il GP della Malesia è stata confermata e quindi il week-end partirà in salita per il pilota di Tavullia che vanta un vantaggio di 7 punti su Jorge Lorenzo.

“Il Tribunale di Arbitrato per lo Sport – si legge nel comunicato diffuso dai giudici di Losanna – ha respinto la richiesta di sospensiva presentata da Valentino Rossi dell’esecutività della decisione presa dai giudici di gara il 25 ottobre del 2015. Pertanto viene confermata la decisione dei Commissari sportivi della Fim di imporre 3 punti di penalità a Valentino Rossi a seguito dell’incidente con Marc Marquez durante il Gp della Malesia di domenica scorsa. Di conseguenza, Valentino Rossi partirà in ultima posizione nella griglia di partenza nell’ultimo GP della stagione, che si terrà a Valencia l’8 novembre”.

Sarà un fine settimana al cardiopalma per i tanti tifosi del Vale che, per un’intera stagione, hanno rincorso il sogno del decimo titolo iridato per poi giungere all’ultimo round e partire da sfavoriti. Perchè sarà impossibile recuperare sul gruppo di testa e quindi l’unica speranza è che Jorge Lorenzo non vada oltre il 3° piazzamento: in tal caso potrebbe bastare anche il 6° posto.

Quest’oggi non ci sarà la tradizionale conferenza stampa pre-gara, onde evitare ulteriori tensioni in vista del week-end al Ricardo Tormo, ma sarà una giornata ugualmente intensa, con tutti i piloti della MotoGP che saranno convocati dalla Direzione Gara, per poi parlare singolarmente con la stampa. Inoltre in casa Yamaha ci sarà un faccia a faccia tra Valentino Rossi, Jorge Lorenzo e le alte cariche del team di Iwata.