CONDIVIDI
ciabatti bagnaia guidotti ducati pramac
Paolo Ciabatti, Francesco ‘Pecco’ Bagnaia e Francesco Guidotti (photo Facebook)

La notizia era già nell’aria da tempo, ma adesso è ufficiale. Dal 2019 Francesco ‘Pecco’ Bagnaia correrà in MotoGP con la Ducati del team Alma Pramac Racing.

Proprio in questi minuti la squadra satellite ducatista ha annunciato l’ingaggio del pilota che corre in Moto2 con lo Sky Racing Team VR46. Per lui un contratto biennale, dunque fino al 2020, e diretto con la casa di Borgo Panigale. Un’occasione molto importante per il talento piemontese, che aveva già provato una Ducati MotoGP al termine della stagione 2016.

Bagnaia in MotoGP col team Pramac dal 2019

Intervistato da Tuttomotoriweb pochissimi giorni fa, ‘Pecco’ aveva chiesto di non rilasciare dichiarazioni sul suo futuro in Pramac, segno che la firma sul nuovo contratto era stata siglata ma si doveva attendere l’ufficialità diramata dal team. Questo il comunicato: “Alma Pramac Racing annuncia di avere raggiunto un accordo per le stagioni MotoGP 2019 e 2020 con Francesco Bagnaia. Il pilota italiano, che ha firmato un contratto diretto con Ducati, salirà per la prima volta sulla Ducati Desmosedici GP di Alma Pramac Racing durante i test ufficiali di Valencia a novembre 2018”.

Francesco Bagnaia ha così commentato la notizia del suo passaggio in MotoGP: “L’anno prossimo realizzerò uno dei miei sogni. Ho detto spesso che mi sarebbe piaciuto correre in MotoGP in sella a una Ducati e finalmente accadrà. Per me è un grande risultato e per questo devo ringraziare il Team, Sky e la VR46 Riders Academy, per tutto il supporto e per avermi seguito nel mio percorso di crescita nelle ultime 5 stagioni, di cui tre nello Sky Racing Team VR46. Ora, però, è fondamentale rimanere concentrati su quest’ultima stagione in Moto2. Abbiamo davvero una grande opportunità, possiamo giocarci delle carte importanti”.

‘Pecco’ molto soddisfatto di coronare questo sogno. Ogni pilota che inizia la propria carriera sogna di approdare nel Motomondiale innanzitutto e poi nella classe regina. Avere già un contratto importante per le prossime due stagioni non deve, però, deconcentrarlo dall’obiettivo di provare a lottare per il titolo Moto2 nel 2018. Già l’anno scorso ha vinto quello di rookie of the year, adesso deve provare a conquistare il titolo più importante della categoria intermedia.

Tenterà di seguire le orme di Franco Morbidelli, altro pilota della VR46 Riders Academy sbarcato in MotoGP dopo aver vinto il titolo Moto2 nel 2017. I due sono amici, però in pista se le sono già suonate e lo faranno nuovamente in MotoGP dal prossimo anno. Sarà fiero Valentino Rossi di vedere suoi allievi nella top class. E, in caso di rinnovo con Yamaha, si ritroverà entrambi come rivali in pista. Una situazione molto interessante.

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori