CONDIVIDI
Casey Stoner (photo Twitter)

La seconda giornata di test MotoGP a Sepang, riservata ai collaudatori delle sei fabbriche, è iniziata all’insegna della pista umida, ma il sole ha concesso maggior sprazzi di possibilità per testare i prototipi 2018 su un asfalto a metà tra l’asciutto e il bagnato.

A segnare il miglior crono (ufficioso) è ancora una volta Casey Stoner, velocissimo in 2’01″4 (tre decimi più lento di ieri), se si considera che la pista non era particolarmente gommata. L’ex campione australiano si è alternato con il collaudatore Michele Pirro.

Giornata di test particolarmente interessante per il box Suzuki, impegnato con il collaudatore Sylvain Guintoli che si è alternato con Michael Dunlop, Josh Waters e Toni Elias ai comandi della GSX-RR che da domenica passerà nelle mani di Iannone e Rins. Nobu Aoki di Suzuki si è detto molto impressionato dalla velocità con cui Dunlop si è adattato alla moto della MotoGP.

Yamaha ha affidato a Nakasuga la M1 in configurazione 2018, probabilmente impegnato in lavori di comparazione sul telaio e sull’elettronica. La Honda, che partiva già da una buona base, si è concentrata su una nuova aerodinamica adottando una carena con ali. Hiroshi Aoyamaha ha girato a meno di un secondo dai riferimenti cronometrici, facendo meglio del collega tester Stefan Bradl.

Per KMT in pista c’era Mika Kallio, mentre per Aprilia Matteo baiocco che ha girato su tempi decisamenti più alti a causa della poca esperienza in MotoGP. Domani si torna in pista per la terza e ultima giornata di test riservata ai collaudatori. Dal 28 al 30 gennaio le moto passeranno ai piloti ufficiali.

 

 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori