CONDIVIDI
Shuhei Nakamoto
Shuhei Nakamoto (© getty images)

Shuhei Nakamoto, vice presidente HRC, parla dello scontro tra Marc Marquez e valentino Rossi che ha segnato il finale di Mondiale MotoGP 2015, della stagione 2016 ormai alle porte e del brutto esordio della Honda in Formula 1 al fianco della McLaren.

L’1 febbraio si ritornerà in pista per i primi test prestagionali, dove ci sarà molto lavoro da fare per raccogliere informazioni e sviluppare la nuova moto in vista dei nuovi regolamenti, a cominciare dalle gomme Michelin e dalle centralina unica che potrebbe assottigliare il gap fra big e inseguitori. Ma come anticipato da Carlo Pernat sarà anche un “Mondiale cattivo” per via delle tensioni tra Marquez e Rossi scoppiate nell’ultimo GP della Malesia.

Inutile dire che Nakamoto si schiera dalla parte di Marc e non cambia opinione rispetto a due mesi fa: “L’incidente è stato totalmente inaccettabile a mio parere – ha detto in un’intervista ad ‘AS’ -. In ogni caso, Valentino ha già avuto la sua punizione, quindi penso che è meglio smettere di parlarne. E un bene che siano arrivate le feste natalizie. Dobbiamo far capire ai tifosi che si combatte in pista, non nel paddock o in conferenze stampa”.

Ma qualora fosse necessario la Honda si dice pronta a rendere nota la telemetria di quella gara: “La Dorna ci ha chiesto di non mostrarlo e abbiamo deciso di prendere questa decisione… Forse qualcosa potrebbe accadere in futuro – ha aggiunto Shuhei Nakamoto -. In ogni caso è la Dorna che deve decidere se renderlo pubblico o meno”.

Ma adesso è tempo di voltare pagina e pensare al 2016 e al 2017, perchè quest’anno scadranno i contratti di tutti i piloti ufficiali. Il vice presidente HRC apre le porte al rinnovo di contratto di Dani Pedrosa, anche se l’annuncio non arriverà fino a metà stagione”. Marc Marquez? “Migliora in ogni Gran Premio. E’ un grande pilota. Ma deve ancora venire il meglio di Marquez”. Meglio pensare sin da subito alle gomme Michelin… “Non è un cambiamento che interesserà solo la Honda, ma tutti i piloti. Ci vuole un po ‘per capire le caratteristiche del nuovo pneumatico”.

 

Honda e la Formula 1

Shuhei Nakamoto viene interpellato anche sul brutto esordio della Honda nel Circus, ma cerca di prendere le distanze dal discorso: “Per essere onesti io non lo so, perché non mi interessa affatto di Formula 1. Se si è coinvolti in F-1 è davvero interessante, la posta in gioco è alta; ma se si sta solo guardando la F1 non è eccitante. Anche se Honda F-1 è la stessa società in cui lavoro, non mi interesso della F-1. Sono felice con MotoGP, Dakar, raid, motocross… Questo è sufficiente per me”.

Ma aver puntato su Fernando Alonso può essere la mossa vincente: “Fernando è il miglior pilota al mondo sulla griglia. Se ha una macchina con la quale si può combattere – ha concluso Nakamoto -, sono sicuro che può essere di nuovo campione del mondo”.