CONDIVIDI
Piero Taramasso (©Getty Images)

Penultimo esame per Michelin nel Mondiale 2017 di MotoGP… e che esame! Il Gran Premio della Malesia è forse il più impegnativo per via delle condizioni climatiche e le alte temperature dell’asfalto che superano i 50°C. Sarà un’altra grande sfida per Michelin che ancora una volta fornirà tre mescole diverse.

“Sepang è la penultima gara della stagione e l’ultima delle gare oltremare – ha detto Piero Taramasso, responsabile Michelin Motorsport -. E’ sempre un evento che richiede una particolare attenzione perché è molto caldo e l’asfalto consuma rapidamente le gomme. Dobbiamo fornire pneumatici che funzionano in queste condizioni estreme”, prosegue Tramasso. “Michelin fornisce ai piloti tre mescole diverse: morbide, medie e dure. I pneumatici posteriori hanno una costruzione asimmetrica e sono più duri sul fianco destro per accogliere il layout. Sebbene Sepang fa parte del calendario MotoGP dal 1999, Michelin dispone di dati limitati disponibili”.

Il tracciato di Sepang è formato da 5 curve a sinistra e 10 a destra ed è stato concepito per raggiungere alti livelli di velocità e spettacolo. Sul lungo rettilineo di 920 metri si raggiungono punte di velocità massima che sfiorano i 340 km/h. “La pista è stata riasfaltata nel 2016, abbiamo set di dati del precedente e dal pre-campionato”, ha spiegato Piero Taramasso. “Con queste informazioni siamo stati in grado di sviluppare le migliori gomme possibili. Impariamo ad ogni circuito e ad ogni gara. Sepang è uno degli eventi in cui vediamo come i pneumatici funzionano a temperature estremamente elevate ed è una gara molto importante per il nostro sviluppo”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori